da TRANSNATIONAL MUSCLE CARS / Jeff Derksen. 2003

BUT COULD I MAKE A LIVING FROM IT / Jeff Derksen

That’s a nice sunset you have there.

I’m three years younger than the term Third World.

This is where your body goes after you donate it to “medical research”.

I’m a cultural nationalist waiting to happen.

“Note: these awards are custom made to individual requirements and are NOT mass-produced.”

This landscape demands another attention span that mediates me flatly and broadly.

It’s the apex where sexuality’s spliced in.

Do you really want to use it that way, I mean to use it?

The sun reflects off the triangular glass tower downtown and into my bed – I sprawl on this corporate light.

“Writing can be no more definitive than can one’s place in history.”

Just don’t touch me during the drum solo.

Trees are cod.

Outside of a metaphor I have a body, but as a statistic I can at least show up on a bar graph.

1976: 0.9861.

“Land Rover owners go on forever.”

Canadian dollar?

But the city is an urban mistake imposed on a place that makes sense – a monument to a certain model of history.

By this I mean I’ll take the bigger one and put it on my card.

Afghanistan, Angola, Bangladesh, Benin.

To be in the “world” in the position of quotation marks.

I would rather have your fingers in my mouth than “find my own voice.”

“Mr X, a capitalist who produces woolen yarn in his spinning mill, has to ‘reproduce’ his raw material ….”

Grass is trees.

This “transaction” translates me until I become my own ethnographic smear.

A tendency to read all languages as anagrams of English – as slang gauges.

“The flow of thought is not accompanied by a simultaneous unfolding of speech.”

The corporate core without a body.

I respond with managerial skills, organizing differences into discourses.

If white people can find one another exotic, that’s how I find you.

The kind of consumer support of the Third World.

And a rusty gas barbeque on every balcony.

Something deep inside “synchronic ethnographic liberalism” says “Can I borrow that for a minute?”

“A colleague of mine insists the color of a man’s watchband should match that of his belt and shoes: Who is correct?”

Bhutan, Burkina Faso, Burundi, Cambodia.

Porque soy Jeff, hijo de mi madre.

He carefully explained his “I’m so privileged that now I’m marginalized” position to me.

“Let us now return to Hegel.”

Walking, drunk with a cup, it’s nationhood.

Leisure is just organized production.

A proud yet flexible and disposable worker.

“On the other hand many well-intentioned people have resisted jumping on the guilt bandwagon for lack of convincing data.”

In the morning I want a voice to attenuate touch.

“Uninhibited working-class sexuality” in the basement.

Technicians of the Abbreviated.

1978: 1.1402.

It’s not that the content is mine, but that it has been made generic.

Bright yellow label.

Cape Verde, Central African Republic, Chad, Comoros.

“Mr Y, a heavy engineer producing machine-tools ….”

False centre of accusation with moral funding (more war!).

I become a “world citizen” with the arrival of my phone card.

Investment banking as a sexual term.

Post-Desert Storm tumours.

That’s law suits to you.

I’ll stand in for form, for me.

It’s the “political economy of genitals” that puts us inside production.

Desire’s tendon tightens.

Bootstraps will pull me up through the masses, classes.

I could use a bit of that “privileging of the proletariat” every now and then.

Just how are you replicated in architecture?

Autonomous condo.

I am the same age as Mies van der Rohe’s Seagram Building.

“You can now capitalize on emerging markets and Latin America from just £30 a month.”

Retired General “Stormin’” Norman Schwarzkopf undergoes prostrate surgery.

The plane drops into a cartoon version of heaven.

1980: 1.1690.

“Money traders and ordinary people.”

Tourism as a method of state control for both the tourists and the hosts.

In my name an anagram for an act.

From the air, the canals are darker, crooked roads.

Why don’t you “master” your own culture first?

Democratic Republic of Congo, Djibuti, Equatorial Guinea, Eritrea.

“At some point in my life I became obsessed with having just the right wristwatch.”

So-called maleness, so-called critical investigation.

Upper-class classism versus working-class racism.

“Latin America: Riche in History Resource Potential.”

I’ll quietly wait for my big break.

Good morning little graduate schoolboy.

If only we could elevate poetry to pop culture – smells like corporate spirit.

To give this a context, I’m writing below sea level, but I don’t know what time it is and I don’t speak the language.

1982: 1.2341.

Any mood-altering substance please.

It’s erotic to say everything, but let’s just do this and talk later.

“Possible military intervention” so people can live “ordinary lives.”

If only the rich people could see us now!

Foreign policy?

Ethiopia, Gambia, Guinea, Guinea-Bissau.

Technicians of the Watched.

However, I am practicing walking the walk.

“An erogenous zone the size of an index card.”

Nice “unique moment” you have there.

“Mr Z, etc., etc.”

I consider myself too young to be reamed in that way.

Soft tissues in three languages.

Unscreened blood, screened shoes.

The problem has not been me, but my inability to admit that I am the problem.

Junkie bike economy.

Having a “past life” only illuminates the library, among the stacks and recalls.

I aspire to a dental plan – to make myself human.

1984: 1.2948.

Rank your unhappiness and then write a book.

“My complex memories of my father are vividly colored by my recollection of Pall Malls, Heaven Hill bourbon and bright red Alfa Romeo Giulietta, take away any of these elements and substitute Kents, champagne or a Pontiac, and I’d be remembering a different man.”

Loss is the pleasure of the sexualized sign.

I’m not trying to perceive the world but lozenge senses with a stroke.

Haiti, Kiribati, Lao People’s Democratic Republic, Lesotho.

The cultural plan has me a highrise whereas I want to be a stadium.

Guarded argued.

The cold humanizes the city – its body steams.

Is the reverse of moral masochism a military intervention – only the UN’s psychoanalyst knows for sure.

Waiting for the train, I’m thinking of you in italics, where the text meets the latex.

So would you like to, uh, ethnography.

An embarrassingly heterosexual reaction to the car.

Do you put apostrophes on yourself – I’m in quotes.

The big trip to Safeway [Canadian reference] today (timeless literature).

The sunlight, idealistic, “cheerful”, and unrelenting.

At the moment of the address I forget you are dead.

“We’re gonna find [a poetics of] feeling good and we’re gonna stay there as long as we think we should.”

An insomniac’s muted blue logo light at ten storeys.

This migraine enables me to view the world anew, pronounced “eyes.”

The day, indecisive, disperses.

A class anxiety attack has me destitute after taxes.

1986: 1.3652.

If “workers are those who are not allowed to transform the space/time allotted them,” then “takes a licking but keeps on ticking” is a class prospect.

You have to include a little agony in the agony.

Am I a priori to you or am I a priori to me?

Translatable body language of “I am a prick.”

Technicians of the Belatedly Underdeveloped.

Liberia, Madagascar, Malawi, Maldives.

I’m not sure if this syntax lets me “engage” with the world.

“Friends as Footnotes,” therefore enemies as endnotes.

This deferral of the day loses the sign or site underhand.

“I’ve noticed that the tip of my thumb reaches the bottom of some of my suit jackets but not others: How long should a suit jacket be?”

Citizens reproduce themselves.

I’d rather shrink than multiply.

“Arguments opposed: The MLA should not tell people what to do.”

I heart carbohydrates.

Weather fulfills the phatic function of language.

“Currently” is proof that ideology is eternal, I’m writing this on February 24, 1995, and you may read it at any following time.

Yell, listen to really loud music, then go out.

Suddenly, cigars: books bigger than my jacket pocket.

Large seventies glasses, like televisions for your face.

A lifetime supply of guitar power chords.

1988: 1.2309.

Made in the image of your workplace, in place of “work,” a labour harbour.

Can one holiday without employment?

“Confrontation, Informative: Can you say the same about your phone bill?”

Invertebrate as a corporate logo.

Genre concerns – don’t lose my place.

In my lifetime I have witnessed the invention of the Self-Serve Gas Station.

Petrochemically yours.

A non-stet moment developing out of the ether of the day.

Mali, Mauritania, Mozambique, Myanmar.

Between crisis, been in the verb of immigration as DNA.

A petit me epistemology.

Why fronts.

“Thus the interest in faeces is continued partly as interest in money ….”

1990: 1.1668.

A phrase or utterance stripped of its context as a timeless device?

A slough of pop culture with its eternal returns.

Monopolistic tendencies, then the highest stage.

“I have three pairs of clip-on suspenders which I wear frequently with my business suits … I need to know if these suspenders are considered fashionable.”

Every day is Male Pride Day.

Polyphonic saturated thoughts – footnote the music.

You don’t need me to tell you this.

“As a banker or a citizen.”

I’m so bored with the ATM.

The Buzzcocks are ideology under three minutes.

Nepal, Niger, Rwanda, Samoa.

It’s only in the process of writing that we notice this, for your comments please phone 1-800-ask-jeff.

I own markings – make mine gelatin.

“Save as” goodbye finger labour.

If the city is sexualized, then the landscape is screwed.

Is there a psychology of the oppressor?

“White Rastas back to Africa.”

Technicians of the Technical.

1992: 1.2083

The Canadian Prime Minister quotes Popeye on identity.

“I’ve got your stomach thing.”

São Tome and Principe, Sierra Leone, Solomon Islands, Somalia.

The unimaginable conversation outside of commerce.

I want an Art more complicated than The Gap.

Don’t Lunacharsky me.

“Take me in your arms / And ameliorate me baby.”

Social facts are vertical.

“Before October, Formalism was a vegetable in season.”

Please tell the government to stop sending me cheques.

Momma, take my adrenal glands, I don’t need them anymore.

It wasn’t that you hated me, but everything about me.

Sudan, Togo, Tuvalu, Uganda.

Self-censorship – rarely practised by the right people.

A liberal reaction of the embarrassed subjectivity.

Opoyaz is the best teacher for our young proletariat writers.

1994: 1.3659.

“You’re looking at one Canadian – he’s got pressures.”

The aliens were gentle, but did not offer me a permanent position.

Or just thanks for the hostility.

United Republic of Tanzania, Vanuatu, Yemen, and Zambia.

The 48 least.

When one’s minimums are not being met.

“U.S. Dollar in Canadian dollars, average noon spot rate.”

“It’s odd that their quest for justice has led the various regulators and prosecutors to big Wall Street firms.”

Is all space scaffolding?

Expansion.

 

 

MA CI POSSO CAMPARE?

Che bel tramonto avete qui.

Ho tre anni di meno del termine Terzo Mondo.

Questo è il posto dove finisce il tuo corpo dopo che l’hai donato alla “ricerca medica”.

Sono un nazionalista culturale in attesa di avere luogo.

“Nota: questi premi sono fatti su misura in base a richieste individuali e NON sono prodotti in serie.”

Questo paesaggio richiede una diversa portata di attenzione da cui io venga mediato in modo piatto ed ampio.

È l’apice a cui la sessualità viene congiunta.

Davvero vuoi usarlo in quel modo, cioè usarlo davvero?

Il sole viene riflesso dalla torre di vetro triangolare verso il centro città e nel mio letto – mi distendo in questa luce aziendale.

“La scrittura non può essere definitiva più di quanto può esserlo il proprio posto nella storia.”

Assolutamente non toccarmi durante l’assolo di batteria.

Gli alberi sono una muffa.

Fuori dalla metafora ho un corpo, ma come statistica posso al limite farmi vedere su di un grafico a barre.

1976: 0.9861.

“I proprietari di Land Rover vanno avanti per sempre.”

Il dollaro canadese?

Ma la città è uno sbaglio urbano imposto su un punto che dà senso – un monumento ad un certo modello di storia.

Con questo voglio dire che prenderò il più grande e lo metterò sulla mia carta.

Afghanistan, Angola, Bangladesh, Benin.

Essere al “mondo” nella posizione delle virgolette di citazione.

Preferirei avere le tue dita in bocca che “trovare la mia vera voce.”

“Il signor X, un capitalista che produce filato di lana nella sua azienda tessile, deve ‘riprodurre’ il suo materiale grezzo….”

L’erba è gli alberi.

Questa “transazione” mi traduce fino a farmi diventare il mio stesso grasso etnografico.

Una tendenza a leggere tutte le lingue come anagrammi dell’inglese – come tipologie di gerghi.

“Il flusso del pensiero non è accompagnato da un simultaneo dispiegarsi del discorso.”

Il nucleo aziendale senza un corpo.

Reagisco con abilità manageriali, organizzando differenze dentro a discorsi.

Se i bianchi potessero trovarsi esotici gli uni con gli altri, ecco come ti troverei.

Il tipo di sostegno del consumatore al Terzo Mondo.

Ed un barbecue a gas arrugginito su ogni balcone.

Qualcosa di profondo in “liberalismo etnografico sincronico” ti dice “posso prenderlo in prestito un minuto ?”

“Un mio collega insiste a dire che il colore del cinturino di un uomo dovrebbe abbinarsi con la sua cintura e le sue scarpe: chi ha ragione?”

Bhutan, Burkina Faso, Burundi, Cambodia.

Porque soy Jeff, hijo de mi madre.

Mi spiegò con precisione la sua posizione del tipo “sono così privilegiato che ora vengo marginalizzato.”

“Ed ora torniamo a Hegel.”

Camminare, ubriachi con un bicchiere, questo è essere nazione.

Lo svago è solo produzione organizzata.

Un lavoratore orgoglioso ma flessibile e a disposizione.

“Dall’altra parte molte persone ben intenzionate hanno resistito alla tentazione di saltare sul carro della colpa per mancanza di dati convincenti.”

Al mattino voglio una voce che attenui il tocco.

“Sessualità senza freni della classe operaia” nel seminterrato.

Tecnici della Abbreviated.

1978: 1.1402.

Non è che è mio il contenuto, ma che è stato reso generico.

Etichetta giallo acceso.

Cape Verde, Central African Republic, Chad, Comoros.

“Il signor Y, ingegnere meccanico che produce macchine utensili….”

Falsi capi d’accusa con finanziamenti morali (più guerra!).

Divento un “cittadino del mondo” con l’arrivo della mia scheda telefonica.

Attività bancaria di investimento come termine sessuale.

Tumori post-Desert Storm.

Ecco una legge che ti si addice.

Prenderò il posto della forma, il mio posto.

È l’ “economia politica dei genitali” che ci ficca nella produzione.

Il tendine del desiderio si irrigidisce.

Mi tirerò su per i capelli da solo attraverso le masse, le classi.

Qua e là potrei usare un pizzico di quel “privilegiare il proletariato”.

Ma come vieni replicato in architettura?

Condominio autonomo.

Ho la stessa età del Seagram Building di Mies van der Rohe.

“Ora puoi capitalizzare sui mercati emergenti e sull’America Latina a partire da sole 30 sterline al mese.”

Il generale “Stormin’” Norman Schwarzkopf, in pensione, si sottopone ad un’operazione alla prostata.

L’aereo cade in una versione a cartoni animati del paradiso.

1980: 1.1690

“Investitori in valuta e gente normale.”

Il turismo come metodo di controllo di stato sia per i turisti che per gli ospiti.

Nel mio nome l’anagramma di un atto.

Dal cielo, i canali sono strade tortuose, più scure.

Perché per prima cosa non ti “impadronisci” della tua cultura?

Democratic Republic of Congo, Djibuti, Equatorial Guinea, Eritrea.

“Ad un certo punto della mia vita ho iniziato ad essere ossessionato dall’avere l’orologio da polso giusto.”

Classismo della classe superiore contro razzismo della classe operaia.

“America Latina: Ricca in Storia Risorse Potenziale.”

Aspetterò con calma la mia grande occasione.

Buongiorno piccolo scolaro diplomato.

Se solo potessimo innalzare la poesia alla cultura pop – puzza di spirito aziendale.

Per dare un contesto a tutto ciò, sto scrivendo sotto il livello del mare, ma non so che ore sono e non parlo la lingua.

1982: 1.2341.

Una qualunque sostanza che alteri l’umore, grazie.

È erotico dire qualunque cosa, ma facciamolo e basta e parliamo più tardi.

“Possibile intervento militare” in modo che la gente possa vivere delle “vite normali.”

Se solo i ricchi ci potessero vedere ora!

Politica estera?

Ethiopia, Gambia, Guinea, Guinea-Bissau.

Tecnici della Watched.

Comunque, sto facendo pratica nel percorrere il percorso.

“Una zona erogena delle dimensioni di una schedina.”

Che bel “momento unico” avete qui.

“Il signor Z, ecc., ecc.”

Mi considero troppo giovane per essere truffato in questo modo.

Morbidi tessuti in tre lingue.

Sangue non controllato, scarpe controllate.

Non sono stato io il problema, ma la mia incapacità di ammettere che sono io il problema.

Economia da sballone in bicicletta.

Avere una “vita passata” dà solo luce alla biblioteca, tra gli scaffali e i richiami.

Aspiro solo ad un dental plan – per diventare un essere umano.

1984: 1.2948.

Dà un voto alla tua infelicità e poi scrivi un libro.

“I complessi ricordi che ho di mio padre sono resi vividi, quasi a colori, dall’avere rimesso insieme le Pall Mall, il bourbon Heaven Hill e l’Alfa Romeo Giulietta rossa fiammante, togli uno qualunque di questi elementi e metti al loro posto delle Kent, lo champagne o una Pontiac, e starei ricordando un uomo diverso.”

La perdita è il piacere del segno sessualizzato.

Non sto cercando di percepire il mondo ma di impasticcare i sensi con una botta.

Haiti, Kiribati, Lao People’s Democratic Republic, Lesotho.

Il piano culturale mi include come un casermone mentre io vorrei essere uno stadio.

Cauto discusso.

Il freddo rende la città più umana – il suo corpo fuma.

È il contrario del masochismo morale un intervento militare – solo lo psicoanalista dell’ONU lo sa per certo.

Aspettando il treno, penso a te in corsivo, dove il testo incontra il lattice.

Così vorresti fare della, hum, etnografia.

Un’imbarazzante reazione eterosessuale all’automobile.

Tu metti degli apostrofi su te stesso? – Io sono tra virgolette.

Il grande viaggio verso il Safeway [rif. canadese] di oggi (letteratura senza tempo).

La luce del sole, idealista, “gioiosa”, e impietosa.

Al momento dell’indirizzo dimentico che sei morto.

“Stiamo per rinvenire [una poetica del] sentirsi bene e qui ci fermeremo fino a quando penseremo che sia necessario.”

Un’insegna aziendale luminosa bluette di un insonne alta dieci piani.

Questa emicrania mi permette di vedere il mondo come nuovo, pronunciato “occhi”.

Il giorno, indeciso, si disperde.

Un attacco di angoscia di classe mi ha dissanguato dopo le tasse.

1986: 1.3652.

Se “i lavoratori sono quelli a cui non è permesso di trasformare lo spazio/tempo loro assegnato” allora “chi la dura la vince” è una prospettiva di classe.

Devi includere un po’ di agonia nell’agonia.

Sono un a priori rispetto a te o sono un a priori rispetto a me?

Il linguaggio del corpo traducibile di “sono un idiota”.

Tecnici della Belatedly Underdeveloped.

Liberia, Madagascar, Malawi, Maldives.

Non sono sicuro che questa sintassi mi lasci “entrare in contatto” con il mondo.

“Amici come note a piè di pagina”, quindi i nemici come note finali.

Questa dilazione del giorno perde il segno o sito occulto.

“Ho notato che la punta del mio pollice arriva all’orlo di alcune delle mie giacche ma non di altre: quanto deve essere lunga una giacca?”

I cittadini si riproducono.

Preferirei restringermi che moltiplicarmi.

“Argomenti opposti: la MLA non dovrebbe dire alla gente quello che deve fare.”

Ho sentito i carboidrati.

Il tempo che fa assolve alla funzione fatica del linguaggio.

“Attualmente” è la prova che l’ideologia è eterna, io lo sto scrivendo il 24 febbraio, 1995, e tu lo puoi leggere in un qualunque momento successivo.

Urla, ascolta musica ad altissimo volume, poi esci.

Di colpo, sigari: libri più grandi della tasca della mia giacca.

Occhialoni anni ‘70, quasi dei televisori per la tua faccia.

Una fornitura a vita di power chords per chitarra.

1988: 1.2309.

Fatto ad immagine del tuo posto di lavoro, al posto di “lavoro”, un porto di travaglio.

Uno può andare in vacanza se non lavora?

“Confronto, Informativo: Puoi dire la stessa cosa della tua bolletta del telefono?”

L’invertebrato come marchio aziendale.

Preoccupazioni di stile – non perdere il mio posto.

Durante la mia vita ho assistito all’invenzione del distributore di benzina self-service.

Petrolchimicamente tuo.

Un momento da non imprimatur che si sviluppa dall’etere del giorno.

Mali, Mauritania, Mozambique, Myanmar.

Tra le crisi, essere stato nel verbo dell’immigrazione come DNA.

Un’epistemologia in sedicesimo.

I fronti del perché.

“Così l’interesse verso le feci è in parte continuato come interesse verso i soldi….”

1990: 1.1668.

Un sintagma o un’espressione spogliati del loro contesto come dispositivo senza tempo.

Una palude di cultura pop con i suoi eterni ritorni.

Tendenze monopolistiche, e poi lo stadio più elevato.

“Ho tre paia di bretelle a clip che spesso indosso con il mio completo… Avrei bisogno di sapere se quelle bretelle si possono considerare alla moda.”

Ogni giorno è la Giornata dell’orgoglio maschile.

Pensieri polifonici saturati – fanno da nota a piè di pagina alla musica.

Non hai bisogno che io ti dica questo.

“Come banchiere o come cittadino.”

Sono così annoiato dall’ATM.

I Buzzcocks sono ideologia sotto i tre minuti.

Nepal, Niger, Rwanda, Samoa.

È solo nel processo della scrittura che notiamo questo, per i tuoi commenti per favore telefona al 1-800-ask-jeff.

Possiedo le strisce – la mia la faccio diventare gelatina.

“Salva con nome” ciao lavoro di dita.

Se la città è sessualizzata, allora il paesaggio è fottuto.

C’è una psicologia dell’oppressore?

“I Rasta bianchi di nuovo in Africa.”

I tecnici della Technical.

1992: 1.2083.

Il Primo ministro canadese cita Braccio di Ferro sull’identità.

“Mi è venuta quella tua cosa di stomaco.”

São Tome and Principe, Sierra Leone, Solomon Islands, Somalia.

L’inimmaginabile conversazione al di fuori del commercio.

Voglio un’Arte un po’ più complicata che non The Gap.

Non mi Lunacharskare.

“Prendimi tra le tue braccia / e migliorami baby.”

I fatti sociali sono verticali.

“Prima dell’Ottobre, il formalismo era una verdura di stagione.”

Per favore dite al governo di smetterla di mandarmi assegni.

Mamma, prendi le mie ghiandole surrenali, non ne ho più bisogno.

Non era che tu odiavi me, ma tutto quello che mi riguardava.

Sudan, Togo, Tuvalu, Uganda.

Autocensura – raramente praticata dalle persone rette.

Una reazione liberale della soggettività imbarazzata.

Opoyaz è il maestro migliore per i nostri giovani scrittori proletari.

1994: 1.3659.

“Stai esaminando un canadese – è sotto pressione.”

Gli alieni furono gentili, ma non mi offrirono una posizione stabile.

O solo grazie per l’ostilità.

United Republic of Tanzania, Vanuatu, Yemen, and Zambia.

Gli ultimi 48.

Quando i valori minimi di qualcuno non sono ancora stati raggiunti.

“Dollaro USA in dollari canadesi, corso a pronti medio di metà giornata.”

“È curioso che la loro sete di giustizia abbia portato i vari regolatori e procuratori verso i grandi nomi di Wall Street.”

Tutto lo spazio fa da impalcatura?

Espansione.

[Transnational muscle cars / Jeff Derksen. – Talonbooks, 2003] [traduzione di Gherardo Bortolotti]











































tutti i testi pubblicati in
(e ospitati da) GAMMM
sono sotto una Licenza
Creative Commons
= all texts (CC) by
m.giovenale, m.guatteri,
a.raos, m.zaffarano & hosts.
/ if not specified,
all photos are (CC) by m.giovenale /


gammm is a non-profit site.
to support us you can donate
anything you want: paper,
used computers, money, manors.
feel free to make us rich,
and tell us how: email us:
gammm_redazione [at] yahoo [dot] it

! thank you !




gostopGIF_R