Lyric poetry after Auschwitz, or: “Get the hook back on” / Kent Johnson

“…[T]he guard force should be actively engaged in setting the conditions for successful exploitation of the internees… by MI (Military Intelligence).”
-Maj. General Geoffrey Miller, Commanding officer of U.S. detention centers in Iraq, in internal policy recommendation report, August, 2003.

WHAT’S UP, RAMAL, I’m an American boy, a father, two children, graduate of Whitman High, where I was a member of the Science Club and Student Council, then I got to be the youngest elected officer ever in the history of my town’s Rotary Chapter, I’m in charge of fund-raising, which hasn’t been easy the past few years, what with the economy and all, but we’re hanging in there. I hope you won’t take this the wrong way, because I don’t want to assault your sensibilities, or anything like that, but I want to be up front with you because I believe that honesty is the best policy: So, I’m going to put a pointed plastic hood on your black and blue head, and then I’m going to stand your caped body on a milk box, with live wires taped to your outstretched hands, and then I’m going to count to ten, you witch-like Arab freak, and maybe I’ll flip the switch and maybe not, it all kind of depends. By the time you get to MI, you’ll be softened up, and you’ll tell us where the terrorists are.

HI THERE, HAZAJ, I’m an American girl, former Vice-President of the Heartland High Young Democrats and Captain of our Regional Championship pom-pom squad, which no one ever expected to even make it to the second round, it was just amazing, we had our pictures in all the papers and stuff, you should see my scrap book. I hope this isn’t awkward and uncomfortable for you, and I hope you don’t mind my starting out by just getting straight to the point and saying so: But I’m going to fuck you in the ass now with a fluorescent light tube, you sorry-assed, primitive thug. By the time you get to MI, you’ll be softened up, and you’ll tell us where all the hidden weapons of mass destruction are.

WELCOME, KAMIL, I’m an American girl, nineteen, pregnant, my Dad is an alcoholic, but my Mother is in recovery, with her own Daycare, and I’ll be taking it over after the Army, I’ve always wanted to have my own business, and I’m going to expand beyond just one location, I’m not thinking small. And since I believe it is always important to say what one means and not beat around the bush, I want you to know something: I’m going to hold a pistol to your head and tell you to jack-off, while you recite the Koran as fast as you can, you heathen, Hell-bound fuck, and then I’m going to look at the camera with a cigarette dangling from my sultry, teenage lips, giving the thumbs up. By the time you get to MI, you’ll be softened up, and you’ll tell us where the missing evil Baathists are.

A PLEASURE TO MEET YOU, KHAFIF, I’m an American boy, former Homecoming King and now Little League coach and Assistant Manager in training at Wal-Mart, which is providing jobs and low prices for our depressed area, which has been really hard hit ever since Maytag left town, life is tough sometimes. I hope you won’t mind my directness, but I strongly believe men should say what they mean, without pulling any punches, so here’s the deal: I’m going to shove a fifteen inch dildo down your mouth, while you crawl all over your naked comrades and they crawl all over you, as if you were all a pile of maggots crawling on the rotting body of a dead Imam – don’t whimper, motherfucker, or I’ll shove the rest of it in, you rowel-headed, perverted piece of filth. By the time you get to MI, you’ll be softened up, and you’ll tell us where the gangster friends of Saddam’s demonic sons are.

NICE TO MEET YOU, TAWIL, I’m a single girl, with an on-line degree in Social Work, a member of the 700 Club and my church choir, and I’m completely against evolution, which goes against the Holy Bible, as you may or may not know, but in the new Iraq you’ll get a better chance to know it for sure, and maybe you’ll be saved. And because I believe people should always tell the truth to each other, no matter what their race or creed, I’m going to give it to you straight: I’m going to make you suck the cock of your comrade Wafir, until he comes in your mouth and you swallow it, unless you want to get packed in ice like all the other ones at all the other detention centers besides this one, and then I’m going to put a leather collar around your neck, because it’s come down the chain of command, a long, long ways, and then I’m going to clip a leather leash onto it, and then I’m going to make you follow me down the long hallway of Abu-Ghraib, squirming like a slug, crying out in falsetto the names of your tent-wearing wife and your babbling, lice-ridden sons. By the time you get to MI, you’ll be softened up, and you’ll tell us where all the videos and photos of Saddam’s torture prisons are.. . We know they are somewhere, hidden in some deep, wet place, you Babylonian, porn-loving fag. And we’re going to get what we want and what we need, no matter how deep down we have to dig. Look at the camera when I talk to you, asshole, or I’ll go get the dog.

HI THERE, MADID, I’m an American poet, twentyish, early to mid-thirtyish, fortyish to seventyish, I’ve had poems on the Poets Against the War website, and in American Poetry Review and Chain, among other magazines, and I have a blog, and I really dig Arab music, and I read Adorno and Spivak, and I’m really progressive, I voted for Clinton and Gore, even though I know they bombed you a lot, too, sorry about that, and I know I live quite nicely off the fruits of a dying imperium, which include anti-war poetry readings at the Lincoln Center and the Poetry Project, with appetizers and wine and New World Music and lots of pot. And because nothing is simple in this world, and because no one gets out unscathed, I’m going to just be completely candid with you: I’m going to box your ears with two big books of poems, one of them experimental and the other more plain speech-like, both of them hardbound and by leading academic presses, and I’m going to do it until your brain swells to the size of a basketball and you die like the fucking lion for real. You’ll never make it to MI because that’s the breaks; poetry is hard, and people go up in flames for lack of it everyday. By the time any investigation gets to you, your grandchildren will have been dead over one thousand years, and poetry will be inhabiting regions you can’t even begin to imagine. Well, we did our best; sorry we couldn’t have done better… I want you to take this self-righteous poem, soak it in this bedpan of crude oil, and shove it down your pleading, screaming throat.

Now get the hood back on.

***

*****

***

La poesia lirica dopo Auschwitz, o: “Rimettiti il cappuccio” / Kent Johnson

“…[L]e forze di guardia dovrebbero essere attivamente impegnate nella preparazione di condizioni per un utilizzazione favorevole degli internati… da parte degli MI (Servizi Segreti Militari).”
-Generale Maggiore Geoffrey Miller, ufficiale Comandante dei centri di detenzione statunitensi in Iraq, nel rapporto interno per il piano d’azione, Agosto, 2003.

COME BUTTA, RAMAL, io sono un ragazzo americano, padre di due bambini, diplomato presso la Whitman High, dove ero membro del Circolo Scientifico e del Consiglio Studentesco, e poi sono stato eletto come il più giovane dirigente del Rotary Club in tutta la storia della mia città, sono incaricato per la raccolta dei fondi, cosa non facile da farsi negli ultimi due anni, con tutta questa storia dell’economia e tutto il resto, ma teniamo duro. Spero che non lo prenderai nel modo sbagliato, perché non voglio ferire i tuoi sentimenti, o qualcosa del genere, ma voglio essere sincero con te perché credo che l’onestà sia la cosa migliore: Perciò, metterò un sacchetto di plastica a punta sulla tua testa ricoperta di lividi, e poi sistemerò il tuo corpo avvolto nel lenzuolo in piedi sul cartone del latte, con i fili elettrici attaccati alle mani tese, e poi conterò fino a dieci, specie di santone arabo esaltato, e forse attaccherò la corrente o forse no, diciamo che tipo dipende. Quando sarai arrivato dagli MI, ti sarai ammorbidito, e ci dirai dove sono i terroristi.

CIAO, HAZAJ, sono una ragazza americana, ex vice-presidente dei Giovani democratici della Heartland High e Capitano della squadra delle ragazze pompon nel Campionato Regionale, e che nessuno si aspettava che sarebbe mai arrivata nemmeno al secondo turno, era semplicemente meraviglioso, c’erano le nostre foto in tutti i giornali e roba simile, dovresti vedere il mio album. Spero che non ti causi disagio o sia di imbarazzo per te, e spero non te la prenderai se andrò subito diritta al punto, dicendoti questo: ma adesso ti fotterò in culo con questo tubo al neon, tu pietoso imbecille, teppista primitivo. Quando sarai arrivato dagli MI, ti sarai ammorbidito, e ci dirai dove sono nascoste tutte le armi di distruzione di massa.

BENVENUTO, KAMIL, sono una ragazza americana, ho diciannove anni, sono incinta, mio padre è un alcolizzato, ma mia madre è in riabilitazione, ha l’assistenza, e me ne occuperò io dopo il servizio militare, ho sempre voluto avere un mio business, e lo espanderò in più di un posto, non penso in piccolo. E dal momento che credo sia importante che uno dica quello che pensa senza menare il cane per l’aia, voglio che tu sappia una cosa: ti punterò una pistola alla testa e voglio che tu ti masturbi, mentre reciti il Corano più velocemente che puoi, tu pagano, maledetto cazzone, e poi guarderò in camera con una sigaretta che pende dalle mie labbra sensuali, da adolescente, facendo ok con i pollici. Quando sarai arrivato dagli MI, ti sarai ammorbidito, e ci dirai dove sono quei malvagi i Baathisti che non troviamo.

PIACERE DI CONSCERTI, KHAFIF, sono un ragazzo americano, già eletto Homecoming King al liceo ed ora allenatore di una squadra della Little League ed assistant maganer in formazione presso Wal-Mart, che sta offrendo lavoro e prezzi bassi alla nostra zona depressa, che è stata colpita davvero duramente da quando la Maytag è andata via città, a volte la vita è dura. Spero non te la prenderai per la mia schiettezza, ma credo fermamente che un uomo dovrebbe dire quello che pensa, chiaro e tondo, perciò le cose stanno così: ti infilerò a forza un vibratore di quindici pollici nella bocca, mentre strisci sopra i tuoi compagni nudi e loro strisciano sopra di te, come se foste tutti un mucchio di vermi che strisciano sul corpo in decomposizione di un imam morto – non piagnucolare, figlio di puttana, o te lo infilo dentro del tutto, tu perverso pezzo di merda col turbante. Quando sarai arrivato dagli MI, ti sarai ammorbidito, e ci dirai dove sono i banditi amici di quei demoniaci figli di Saddam.

FELICE DI CONOSCERTI, TAWIL, sono una ragazza single, con una laurea presa on–line in Assistenza Sociale, sono un membro del 700 Club e del coro della Chiesa, e sono assolutamente contraria all’evoluzione, che va contro la Sacra Bibbia, come magari sai oppure no, ma nel nuovo Iraq sicuramente avrai migliori possibilità di saperlo, e forse sarai salvato. E siccome credo che le persone dovrebbero sempre dirsi la verità, al di là della loro razza o del loro credo, te lo dirò schiettamente: ti farò succhiare il cazzo del tuo compagno Wafir, finché non ti verrà in bocca e tu inghiottirai, a meno che tu non voglia essere impacchettato nel ghiaccio come tutti quegli altri negli altri centri di detenzione oltre a questo, e poi ti metterò un collarino di pelle attorno collo, perché questo è sceso dalla catena di commando, da molto, molto in alto, e poi a quello attaccherò un guinzaglio in pelle, e poi ti costringerò a seguirmi lungo tutto il corridoio di Abu-Ghraib, mentre ti dimeni come un verme, gridando in falsetto i nomi di tua moglie con quelle tende addosso e dei tuoi figli pidocchiosi e balbuzienti. Quando sarai arrivato dagli MI, ti sarai ammorbidito, e ci dirai dove sono i video e le foto delle camere di tortura di Saddam… Sappiamo che sono da qualche parte, nascoste in qualche posto umido e profondo, tu babilonese, frocio pornografo. E avremo ciò che vogliamo e quello di cui abbiamo bisogno, non importa quanto a fondo dovremo scavare. Guarda in camera quando ti parlo, coglione, o vado a prendere il cane.

CIAO, MADID, sono un poeta americano, ventenne, sulla trentina, da quarantenne a settantenne, ho scritto poesie sul sito di Poets Against the War, e nella American Poetry Review e in Chain, tra le altre riviste; ho un blog, e mi piace un sacco la musica araba, e leggo Adorno e Spivak, e sono veramente progressista, ho votato per Clinton e Gore, anche se sapevo che anche loro vi hanno bombardato e pure parecchio, mi dispiace per questo, e lo so che viviamo piuttosto bene grazie ai frutti di un impero morente, cosa che include letture poetiche contro la guerra al Lincoln Center e al Poetry Project, con stuzzichini, vino, musica new world e un sacco di erba. E dato che niente è facile a questo mondo, e dato che nessuno ne esce illeso, sarò davvero franco con te: ti prenderò a sberle sulle orecchie con due grossi libri di poesia, uno sperimentale e l’altro più discorsivo, entrambi in rilegatura rigida e pubblicati per importantissimi editori accademici, e lo farò finché il tuo cervello non si gonfierà come un pallone da basket e tu non morirai davvero come quel cazzo di leone. Non arriverai nemmeno fino dagli MI perché capita; la poesia è dura, e la gente va in pezzi tutti i giorni per la sua penuria. Quando una qualunque indagine si occuperà di te, i tuoi nipoti saranno morti da più di mille anni, e la poesia starà già abitando regioni che non puoi nemmeno iniziare a immaginare. Bene, abbiamo fatto del nostro meglio; mi dispiace ma non potevamo fare di più. Voglio che tu prenda questa poesia auto-indulgente, la inzuppi in questa padella da ricovero piena di petrolio greggio, e te la infili nella gola implorante, urlante.

Ora, rimettiti il cappuccio.

[traduzione di Irma Hibert]











































tutti i testi pubblicati in
(e ospitati da) GAMMM
sono sotto una Licenza
Creative Commons
= all texts (CC) by
m.giovenale, m.guatteri,
a.raos, m.zaffarano & hosts.
/ if not specified,
all photos are (CC) by m.giovenale /


gammm is a non-profit site.
to support us you can donate
anything you want: paper,
used computers, money, manors.
feel free to make us rich,
and tell us how: email us:
gammm_redazione [at] yahoo [dot] it

! thank you !




gostopGIF_R