burney akab aion

1. Had! The manifestation of Nuit.

2. The unveiling of the company of heaven.

3. Every man and every woman is a star.

4. Every number is infinite; there is no difference.

5. Help me, o warrior lord of Thebes, in my unveiling before the Children of men!

6. Be thou Hadit, my secret centre, my heart & my tongue!

7. Behold! it is revealed by Aiwass the minister of Hoor-paar-kraat.

8. The Khabs is in the Khu, not the Khu in the Khabs.

9. Worship then the Khabs, and behold my light shed over you!

10. Let my servants be few & secret: they shall rule the many & the known.

11. These are fools that men adore; both their Gods & their men are fools.

12. Come forth, o children, under the stars, & take your fill of love!

13. I am above you and in you. My ecstasy is in yours. My joy is to see your joy.

14. Above, the gemmèd azure is The naked splendour of Nuit; She bends in ecstasy to kiss The secret ardours of Hadit. The winged globe, the starry blue, Are mine, O Ankh-af-na-khonsu!

15. Now ye shall know that the chosen priest & apostle of infinite space is the prince-priest the Beast; and in his woman called the Scarlet Woman is all power given. They shall gather my children into their fold: they shall bring the glory of the stars into the hearts of men.

16. For he is ever a sun, and she a moon. But to him is the winged secret flame, and to her the stooping starlight.

17. But ye are not so chosen.

18. Burn upon their brows, o splendrous serpent!

19. O azure-lidded woman, bend upon them!

20. The key of the rituals is in the secret word which I have given unto him.

21. With the God & the Adorer I am nothing: they do not see me. They are as upon the earth; I am Heaven, and there is no other God than me, and my lord Hadit.

22. Now, therefore, I am known to ye by my name Nuit, and to him by a secret name which I will give him when at last he knoweth me. Since I am Infinite Space, and the Infinite Stars thereof, do ye also thus. Bind nothing! Let there be no difference made among you between any one thing & any other thing; for thereby there cometh hurt.

23. But whoso availeth in this, let him be the chief of all!

24. I am Nuit, and my word is six and fifty.

25. Divide, add, multiply, and understand.

26. Then saith the prophet and slave of the beauteous one: Who am I, and what shall be the sign? So she answered him, bending down, a lambent flame of blue, all-touching, all penetrant, her lovely hands upon the black earth, & her lithe body arched for love, and her soft feet not hurting the little flowers: Thou knowest! And the sign shall be my ecstasy, the consciousness of the continuity of existence, the omnipresence of my body.

27. Then the priest answered & said unto the Queen of Space, kissing her lovely brows, and the dew of her light bathing his whole body in a sweet-smelling perfume of sweat: O Nuit, continuous one of Heaven, let it be ever thus; that men speak not of Thee as One but as None; and let them speak not of thee at all, since thou art continuous!

28. None, breathed the light, faint & faery, of the stars, and two.

29. For I am divided for love’s sake, for the chance of union.

30. This is the creation of the world, that the pain of division is as nothing, and the joy of dissolution all.

31. For these fools of men and their woes care not thou at all! They feel little; what is, is balanced by weak joys; but ye are my chosen ones.

32. Obey my prophet! follow out the ordeals of my knowledge! seek me only! Then the joys of my love will redeem ye from all pain. This is so: I swear it by the vault of my body; by my sacred heart and tongue; by all I can give, by all I desire of ye all.

33. Then the priest fell into a deep trance or swoon, & said unto the Queen of Heaven; Write unto us the ordeals; write unto us the rituals; write unto us the law!

34. But she said: the ordeals I write not: the rituals shall be half known and half concealed: the Law is for all.

35. This that thou writest is the threefold book of Law.

36. My scribe Ankh-af-na-khonsu, the priest of the princes, shall not in one letter change this book; but lest there be folly, he shall comment thereupon by the wisdom of Ra-Hoor-Khu-it.

37. Also the mantras and spells; the obeah and the wanga; the work of the wand and the work of the sword; these he shall learn and teach.

38. He must teach; but he may make severe the ordeals.

39. The word of the Law is ?e??µa.

40. Who calls us Thelemites will do no wrong, if he look but close into the word. For there are therein Three Grades, the Hermit, and the Lover, and the man of Earth. Do what thou wilt shall be the whole of the Law.

41. The word of Sin is Restriction. O man! refuse not thy wife, if she will! O lover, if thou wilt, depart! There is no bond that can unite the divided but love: all else is a curse. Accursed! Accursed be it to the aeons! Hell.

42. Let it be that state of manyhood bound and loathing. So with thy all; thou hast no right but to do thy will.

43. Do that, and no other shall say nay.

44. For pure will, unassuaged of purpose, delivered from the lust of result, is every way perfect.

45. The Perfect and the Perfect are one Perfect and not two; nay, are none!

46. Nothing is a secret key of this law. Sixty-one the Jews call it; I call it eight, eighty, four hundred & eighteen.

47. But they have the half: unite by thine art so that all disappear.

48. My prophet is a fool with his one, one, one; are not they the Ox, and none by the Book?

49. Abrogate are all rituals, all ordeals, all words and signs. Ra-Hoor-Khuit hath taken his seat in the East at the Equinox of the Gods; and let Asar be with Isa, who also are one. But they are not of me. Let Asar be the adorant, Isa the sufferer; Hoor in his secret name and splendour is the Lord initiating.

50. There is a word to say about the Hierophantic task. Behold! there are three ordeals in one, and it may be given in three ways. The gross must pass through fire; let the fine be tried in intellect, and the lofty chosen ones in the highest. Thus ye have star & star, system & system; let not one know well the other!

51. There are four gates to one palace; the floor of that palace is of silver and gold; lapis lazuli & jasper are there; and all rare scents; jasmine & rose, and the emblems of death. Let him enter in turn or at once the four gates; let him stand on the floor of the palace. Will he not sink? Amn. Ho! warrior, if thy servant sink? But there are means and means. Be goodly therefore: dress ye all in fine apparel; eat rich foods and drink sweet wines and wines that foam! Also, take your fill and will of love as ye will, when, where and with whom ye will! But always unto me.

52. If this be not aright; if ye confound the space-marks, saying: They are one; or saying, They are many; if the ritual be not ever unto me: then expect the direful judgments of Ra Hoor Khuit!

53. This shall regenerate the world, the little world my sister, my heart & my tongue, unto whom I send this kiss. Also, o scribe and prophet, though thou be of the princes, it shall not assuage thee nor absolve thee. But ecstasy be thine and joy of earth: ever To me! To me!

54. Change not as much as the style of a letter; for behold! thou, o prophet, shalt not behold all these mysteries hidden therein.

55. The child of thy bowels, he shall behold them.

56. Expect him not from the East, nor from the West; for from no expected house cometh that child. Aum! All words are sacred and all prophets true; save only that they understand a little; solve the first half of the equation, leave the second unattacked. But thou hast all in the clear light, and some, though not all, in the dark.

57. Invoke me under my stars! Love is the law, love under will. Nor let the fools mistake love; for there are love and love. There is the dove, and there is the serpent. Choose ye well! He, my prophet, hath chosen, knowing the law of the fortress, and the great mystery of the House of God.

All these old letters of my Book are aright; but ? is not the Star. This also is secret: my prophet shall reveal it to the wise.

58. I give unimaginable joys on earth: certainty, not faith, while in life, upon death; peace unutterable, rest, ecstasy; nor do I demand aught in sacrifice.

59. My incense is of resinous woods & gums; and there is no blood therein: because of my hair the trees of Eternity.

60. My number is 11, as all their numbers who are of us. The Five Pointed Star, with a Circle in the Middle, & the circle is Red. My colour is black to the blind, but the blue & gold are seen of the seeing. Also I have a secret glory for them that love me.

61. But to love me is better than all things: if under the night stars in the desert thou presently burnest mine incense before me, invoking me with a pure heart, and the Serpent flame therein, thou shalt come a little to lie in my bosom. For one kiss wilt thou then be willing to give all; but whoso gives one particle of dust shall lose all in that hour. Ye shall gather goods and store of women and spices; ye shall wear rich jewels; ye shall exceed the nations of the earth in spendour & pride; but always in the love of me, and so shall ye come to my joy. I charge you earnestly to come before me in a single robe, and covered with a rich headdress. I love you! I yearn to you! Pale or purple, veiled or voluptuous, I who am all pleasure and purple, and drunkenness of the innermost sense, desire you. Put on the wings, and arouse the coiled splendour within you: come unto me!

62. At all my meetings with you shall the priestess say — and her eyes shall burn with desire as she stands bare and rejoicing in my secret temple — To me! To me! calling forth the flame of the hearts of all in her love-chant.

63. Sing the rapturous love-song unto me! Burn to me perfumes! Wear to me jewels! Drink to me, for I love you! I love you!

64. I am the blue-lidded daughter of Sunset; I am the naked brilliance of the voluptuous night-sky.

65. To me! To me!

66. The Manifestation of Nuit is at an end.

***
**** * ****
***

1. Had! La manifestazione di Nuit.

2. La rivelazione della compagnia del paradiso.

3. Ogni uomo ed ogni donna è una stella.

4. Ogni numero è infinito, non vi è alcuna differenza.

5. Aiutami, o signore guerriero di Tebe, a rivelarlo ai Figli degli uomini.

6. Possa tu essere, Hadit, il mio centro segreto, il mio cuore e la mia lingua!

7. Attenzione! questo viene rivelato da Aiwass, il ministro di Hoor-paar-kraat.

8. Il Khabs è nel Khu, ma non il Khu nel Khabs.

9. Pregate quindi il Khabs, ed osservate la mia luce sparsa su di voi.

10. Fate sì che i miei servitori siano pochi e segreti: domineranno le moltitudini ed il conosciuto.

11. Questi sono i folli che gli uomini adorano; sia i loro Dei che i loro uomini sono folli.

12. Venite avanti, o figli, sotto le stelle, e prendete la vostra parte d’amore.

13. Io sono sopra di voi e dentro di voi. La mia estasi è in voi. La mia gioia è vedere la vostra gioia.

14. Sopra, l’azzurro gemmato è Il nudo splendore di Nuit; Lei si piega in estasi per baciare Gli ardori segreti di Hadit: Il globo alato, il blu stellato, è tutto mio,  Ankh-af-na-khonsu!

15. Ora dovete sapere che il sacerdote prescelto e apostolo dello spazio infinito è il principe-sacerdote la Bestia; e nella sua donna, chiamata la Donna Scarlatta, è riposto ogni potere. Essi raccoglieranno i figli miei nel loro recinto: porteranno la gloria delle stelle nei cuori degli uomini.

16.Perchè lui è sempre un sole, e lei una luna. Infatti propria di lui è l’alata fiamma segreta, e di lei la calante luce stellare.

17. Ma voi non siete i prescelti.

18. Brucia sulle loro ciglia, splendido serpente!

19. O donna dipinta in azzurro, inchinati su di loro!

20. La chiave dei rituali è nella parola segreta che ho comunicato a lui.

21. Nei confronti di Dio e del Credente io sono nulla: non possono vedermi. Essi sono come sulla terra; io sono il Paradiso, e non vi è altro Dio che me ed il mio signore Hadit.

22. A voi, perciò io sono nota col nome di Nuit, ed a lui con il nome segreto che gli rivelerò quando infine mi avrà conosciuta. Poichè io sono Infinito Spazio, e quindi Infinite Stelle, fate anche voi così. Nulla sia legato! Fate che non sia fatta differenza tra una ed ogni altra cosa, perché è da ciò che nasce il dolore.

23. E chi avrà ciò ottenuto, che sia il capo di tutti!

24. Io sono Nuit e la mia parola è sei e cinquanta.

25. Dividete, addizionate, moltiplicate e comprendete.

26. Poi, il profeta, schiavo della bellezza, disse: Chi sono io, e quale sarà il segnale? E così lei rispose, curvandosi, una fiamma blu lambente che tutto tocca e tutto penetra, le sue gentili mani sopra la nera terra, ed il suo corpo sottile inarcato per l’amore, ed i suoi morbidi piedi che non feriscono i piccoli fiori: Tu lo sai! ed il segnale sarà la mia estasi, la coscienza della continuità dell’esistenza, l’onnipresenza del mio corpo.

27. Il sacerdote rispose dicendo alla Regina dello Spazio, mentre le baciava le dolci ciglia e la rugiada del bagno di luce avvolgeva il suo corpo in un profumo di sudore dal dolce aroma: O Nuit, eternità del paradiso, fai che sia sempre così: quegli uomini non parlano di Te come Una, ma come il Nulla; fai che non parlino di te che sei l’eternità!

28. Il Nulla, respirò la luce pallida e magica delle stelle: e il due.

29. Perchè io sono divisa per la causa d’amore, per la possibilità d’unione.

30. Questa è la creazione del mondo, il dolore della divisione è come nulla, la gioia della dissoluzione è tutto.

31. Questi stupidi d’uomini con i loro lamenti non si dedicano a te! Essi avvertono poco, solo ciò che viene compensato da piccole gioie; ma voi siete i prescelti.

32. Obbedite al mio profeta! seguite il rigore della mia conoscenza! cercate me sola! Poi le gioie del mio amore vi affrancheranno dal dolore. È così; lo giuro sulla volta del mio corpo, sul mio cuore sacro e sulla mia lingua, su tutto quanto io posso dare, su tutto quanto io desidero di tutti voi.

33. Poi il sacerdote cadde in una trance profonda, in deliquio, e disse alla Regina del Paradiso: Comunicaci le prove, comunicaci i rituali, dettaci la legge!

34. Ma lei rispose: non comunicherò le prove, i rituali saranno per metà conosciuti e per metà occulti: la Legge è per tutti.

35. Questo che stai scrivendo è il triplice libro della Legge.

36. Il mio scriba, Ankh-af-na-khonsu, il sacerdote dei prìncipi, non cambierà questo libro in una sola lettera; ma affinchè non vi sia follia, lo commenterà mediante la saggezza di Ra-Hoor-Khu-it.

37. Inoltre imparerà e poi insegnerà i mantras e le parole, l’obeah e il wanga, il lavoro di bacchetta e quello di spada.

38. Egli deve insegnare e potrà rendere le prove pi? rigorose.

39. La parola della Legge è Thelema.

40. Chi ci chiama Thelemiti non sbaglia, se intende letteralmente la parola. Perchè in essa vi sono Tre Gradi, l’Eremita, e l’Amante e l’uomo della Terra. Fai ciò che vuoi sarà tutta la Legge.

41. La parola del Peccato è Restrizione. O uomo! non rifiutare la tua donna se lei vuole! O amante, se tu vuoi allontanati! Nessun legame può unire ciò che è diviso eccetto l’amore: tutto il resto è maledizione. Maledetto! Maledetto sia dagli eoni! Inferno.

42. Lasciate questa condizione di innumerevoli limiti e nausea. Sia così per tutto te stesso; non hai altro diritto che fare la tua volontà.

43. Agisci così e mai niente ti si opporrà.

44. Perchè la pura volontà, non soddisfatta dal fine, distinta dalla lussuria del risultato, è in ogni modo perfetta.

45. Il Perfetto ed il Perfetto sono un Perfetto e non due; no, sono nessuno!

46. Nulla è la segreta chiave di questa legge. Sessant’uno è chiamata dagli Ebrei; io la chiamo otto, ottanta, quattrocentodiciotto.

47. Ma essi ne possiedono la metà: congiungila con la tua Arte così che tutto si dissolva.

48. Il mio profeta è il matto con il suo uno uno uno; non sono forse essi il Bue e nessuno per il Libro?

49. Siano abrogati tutti i rituali, tutti i giudizi, tutte le parole ed i simboli. Ra-Hoor-Khuit è assiso ad Oriente nell’Equinozio degli Dei; e fai che Asar sia con Isa, poichè sono una sola cosa. Ma essi non sono in me. Fai che Asar sia l’adoratore e Isa colei che accetta; Hoor nel suo nome segreto e splendore è il Signore iniziatico.

50. Vi è qualcosa da dire sul compito del Gerofante. Attenzione! ci sono tre prove in una, che puo essere data in tre modi. Ciò che è grezzo dovrà raffinarsi nel fuoco; ciò che è raffinato verrà esaminato nell’intelletto; ed i nobili prescelti passino la prova suprema. Così si hanno stelle e stelle, sistemi e sistemi; fate in modo che non uno conosca bene l’altro.

51. Vi sono quattro cancelli in un palazzo; il pavimento di quel palazzo è di argento ed oro; vi sono lapislazuli e diaspro; e tutti i rari profumi: gelsomino e rosa ed i sigilli di morte. Fatelo entrare a turno, o subito, per i quattro cancelli; ponetelo sul pavimento del palazzo. Non sprofonderà? Amn. O guerriero, e se il tuo servo affonda? Ma vi sono modi e modi. Siate benevoli, pertanto: vestitevi tutti in fine tessuto; mangiate cibi ricchi e bevete dolci vini, vini spumeggianti! Inoltre prendete la vostra parte e volontà d’amore a piacimento: quando, dove, come e con chi volete! Ma sempre in me!

52. Se così non sarà giustamente, se confonderete i segni di spazio dicendo: Essi sono uno, o dicendo: Essi sono molti; e se il rituale non verrà sempre espresso in me: attendete il pesante giudizio di Ra Hoor Khuit!

53. Ciò rigenererà il mondo, il piccolo mondo, immagine mia, cuore mio e lingua mia, per colui che riceverà il mio bacio. Inoltre, o scriba e profeta, sebbene tu sia uno dei prìncipi non verrai soddisfatto nè sarai assolto. Ma l’estasi sia tua, e la gioia in terra: sempre A me! A me!

54. Che non venga alterato nemmeno lo stile di una lettera; attenzione! Poichè altrimenti, o profeta, non riuscirai a scoprire tutti i misteri qui celati.

55. Il figlio delle viscere tue, lui riuscirà a svelarli.

56. Aspettalo non da Oriente e nemmeno da Occidente; poichè quel figlio verrà da un punto inaspettato. Aum! Tutte le parole sono sacre e tutti i profeti veri; eccetto che loro ne capiscono solo una parte; risolvi la prima metà dell’equazione e lascia la seconda intatta. Ma tu possiedi tutto in chiara luce, ed alcune cose, sebbene non tutte, nel buio.

57. Invocatemi sotto le stelle! Amore è la legge, amore sotto la volontà. Fate ‘sì che nemmeno i folli sbaglino amore; perché c’è amore ed amore. Vi è la colomba e c’è il serpente. Scegliete bene! Lui, il mio profeta, ha scelto, conoscendo la legge della cittadella, ed il grande mistero della Casa di Dio. Tutte queste antiche lettere del mio Libro sono corrette ma ? non è la Stella. Questo è il segreto. Il mio profeta lo rivelerà ai saggi.

58. Io porto gioie inimmaginabili sulla terra: certezza, non fede, durante la vita, nella morte; pace imperturbabile, riposo, estasi; senza nulla chiedere in sacrificio.

59. Il mio incenso è fatto di legno resinoso e gomma; e non vi è sangue in esso: perché delle mie chiome quali alberi dell’Eternità.

60. Il mio numero è 11, come tutti i loro numeri che ci appartengono. La Stella a Cinque Punte, con un Cerchio nel Mezzo, ed il cerchio è Rosso. Il mio colore è nero per i ciechi, ma blu ed oro per coloro che vedono. Anche per questo riservo segreta gloria per coloro che mi amano.

61. Ed amarmi è la migliore delle cose: se sotto le stelle notturne nel deserto tu brucerai il mio incenso, invocandomi con il cuore puro, ed il Serpente fiamma dentro, potrai entrare e giacere nel mio petto. Per un bacio vorrai dare tutto; ma chi darà una particella di sabbia perderà tutto in quell’ora. Raccoglierete beni ed avrete moltitudini di donne e spezie; porterete ricchi gioielli; varcherete i confini delle nazioni della terra con splendore ed orgoglio; ma sempre nel mio amore, ed in questo modo giungerete alla mia grazia. Ti ordino di venire a me seriamente in un semplice vestito, con il capo incoronato. Io ti amo, io ti desidero, pallido o colorito, velato o voluttuoso, io che sono tutto piacere e porpora, e ubriachezza nel senso pi? interiore, ti desidero. Poniti sulle ali, e risveglia lo splendore a spire che è in te: vieni a me!

62. Ed in ogni mio incontro con te la papessa dirà ed i suoi occhi bruceranno di desiderio come lei rimarrà nuda ed allegra nel mio tempio segreto: A me! A me! Invocando la fiamma dei cuori di tutti nel suo canto d’amore.

63. Cantate l’estatica canzone d’amore verso di Me! Bruciatemi i profumi! Portatemi i gioielli! Brindate a me, perché io vi amo. Io vi amo!

64. Io sono la figlia del Tramonto con le palpebre blu; io sono la nuda brillantezza del voluttuoso cielo notturno.

65. A me! A me!

66. La Manifestazione di Nuit è alla fine.

[immagine di  Gabriele Di Benedetto aka Burney Akab Aion]











































tutti i testi pubblicati in
(e ospitati da) GAMMM
sono sotto una Licenza
Creative Commons
= all texts (CC) by
m.giovenale, m.guatteri,
a.raos, m.zaffarano & hosts.
/ if not specified,
all photos are (CC) by m.giovenale /


gammm is a non-profit site.
to support us you can donate
anything you want: paper,
used computers, money, manors.
feel free to make us rich,
and tell us how: email us:
gammm_redazione [at] yahoo [dot] it

! thank you !




gostopGIF_R