LINES FOR THE FORTUNE COOKIES / Frank O’Hara

Lines for the Fortune Cookies

I think you’re wonderful and so does everyone else.

Just as Jackie Kennedy has a baby boy, so will you–even bigger.

You will meet a tall beautiful blonde stranger, and you will not say hello.

You will take a long trip and you will be very happy, though alone.

You will marry the first person who tells you your eyes are like scrambled eggs.

In the beginning there was YOU–there will always be YOU, I guess.

You will write a great play and it will run for three performances.

Please phone The Village Voice immediately: they want to interview you.

Roger L. Stevens and Kermit Bloomgarden have their eyes on you.

Relax a little; one of your most celebrated nervous tics will be your undoing.

Your first volume of poetry will be published as soon as you finish it.

You may be a hit uptown, but downtown you’re legendary!

Your walk has a musical quality which will bring you fame and fortune.

You will eat cake.

Who do you think you are, anyway? Jo Van Fleet?

You think your life is like Pirandello, but it’s really like O’Neill.

A few dance lessons with James Waring and who knows? Maybe something will happen.

That’s not a run in your stocking, it’s a hand on your leg.

I realize you’ve lived in France, but that doesn’t mean you know EVERYTHING!

You should wear white more often–it becomes you.

The next person to speak to you will have a very intriquing proposal to make.

A lot of people in this room wish they were you.

Have you been to Mike Goldberg’s show? Al Leslie’s? Lee Krasner’s?

At times, your disinterestedness may seem insincere, to strangers.

Now that the election’s over, what are you going to do with yourself?

You are a prisoner in a croissant factory and you love it.

You eat meat. Why do you eat meat?

Beyond the horizon there is a vale of gloom.

You too could be Premier of France, if only… if only…

***

*** *** ***

***

 

Versi per i biscotti della fortuna

Penso che tu sia fantastico e lo pensano anche gli altri.

Avrai un figlio maschio come Jackie Kenney – anche più grosso.

Incontrerai una bellissima sconosciuta alta e bionda ma non la saluterai.

Farai un lungo viaggio e sarai molto felice, però da solo.

Sposerai la prima persona che ti dirà che i tuoi occhi assomigliano a uova strapazzate.

In principio c’eri TU – e ci sarai sempre TU, ho l’impressione.

Scriverai un bellissimo dramma che verrà messo in scena tre volte.

Ti prego telefona subito al Village Voice: vogliamo intervistarti.

Roger L. Stevens e Kermit Bloomgarden t’hanno messo gli occhi addosso.

Calmati un po’: il più ammirato dei tuoi tic nervosi sarà la tua fine.

Il tuo primo libro di poesia sarà pubblicato non appena l’avrai finito.

Uptown vai forte, ma downtown sei una leggenda!

La tua camminata ha qualcosa di musicale: te ne verrà fama e successo.

Avrai la botte piena.

Scusa, ma chi ti credi di essere? Jo Van Fleet?

Tu credi di vivere alla Pirandello, in realtà vivi alla O’Neill.

Qualche lezione di ballo con James Waring e chi lo sa? Da cosa nasce cosa.

Non è una smagliatura della calza, è una mano sulla gamba.

Lo so che sei stato in Francia, ma questo non vuol dire che sai tutto TUTTO!

Dovresti vestirti di bianco più spesso – ti dona.

La prossima persona che ti rivolgerà la parola ti farà una proposta molto curiosa.

Molti di quelli che sono in questa stanza vorrebbero essere te.

Hai visto lo spettacolo di Mike Goldberg? Quello di Al Leslie? E quello di Lee Krasner?

A volte i tuoi gesti disinteressati possono sembrare insinceri, a chi non ti conosce.

Adesso che le elezioni sono passate, che cosa hai intenzione di fare?

Ti tengono prigioniero in una ditta di croissant e ti piace da matti.

Mangi la carne. Perché mangi carne?

Oltre l’orizzonte un declivio di tristezza.

Anche tu in Francia potresti dare il primo ministro, se soltanto… se soltanto…

 

 

[Traduzione di Gianluca Rizzo. In: Nuova poesia americana. New York / a cura di Luigi Ballerini, Gianluca Rizzo e Paul Vangelisti. Mondadori, 2009]











































tutti i testi pubblicati in
(e ospitati da) GAMMM
sono sotto una Licenza
Creative Commons
= all texts (CC) by
m.giovenale, m.guatteri,
a.raos, m.zaffarano & hosts.
/ if not specified,
all photos are (CC) by m.giovenale /


gammm is a non-profit site.
to support us you can donate
anything you want: paper,
used computers, money, manors.
feel free to make us rich,
and tell us how: email us:
gammm_redazione [at] yahoo [dot] it

! thank you !




gostopGIF_R