rag in aye-eye I / volodymyr bilyk. 2016

RAG IN AYE-EYE-I
2016

0/

There was a text.
But no one
payed attention to it.
Nobody cared for just another text.
Why should they?
It will not change their lives or styles or opinions.
The only thing they’ll do with it — just fill the sloth of spare time.

The face of the type
turned heavier and heavier
time after time
and still
no one payed attention to it —

until the text
had made the
null and void.
“Now that’s what i call fucking!” says imaginary Warren Beatty here.
Bubbles fly from the Shampoo
Bugle spreads the angry rag

1.

Let’s put this thing straight
no one ever gets satisfied by the result
especially when you’re not the creator but the one who perceives.
That’s why there’s not much mr. Gaudi around
That’s why there’s nothing left of comrade El.
But here, in poetry — this very strange and somewhat obscure reaction is turned up to the eleven.
It’s almost inevitable.
And so it goes
in not very complex size.
’cause no one loves the waltz —
so every move is marching with the wittery and cough.

But for the moment — let’s imagine the world — where nothing’s made and there’s nothing to expect.
Pyles of constructing materials all around — do what you want — but do it so that nobody will ever be impressed by it — only notified of its existence.

Doesn’t it remind you something? Oh, that’s the world we live in. Here are the words. Combine them every way you want. Here are the arrows — they all will ease your quest for this so-to-say unforgive-gettable fire. And wait a minute — that table was the wheel — where does it go? Bring it back, if possible on the plate, bring back as you brought that Leroy Brown, bring it back…

You can almost hear
this poem says to you
“it’s your fault, motherfucker, it’s your fault —
you’re wrong, every time and you’re so free —
you’re vicious and you’re so wrong that
‘world expects a man to buckle down and to shovel shit’.
And this all happens because you wanted to ‘feel’ and ‘only wanted to be loved’.
’cause you’re bland, dull, boring nothing of the void. Zilch and Zero — Double Z.
Marvelous Ultimate Uncanny Astonishing Vacuum. Move over Beat Hove When World Weary is in the house.
No one understands, nobody cares.
But still everybody’s thinking that some ‘strange kind of love’ makes the world go ‘round and round.’ ‘World in motion’, voice of the being from the ‘Higher Ground’ says: ‘…keep on leanin’ …keep on warrin’ …keep on turnin’ …it won’t be too long’.
But the reaction is — ‘go take a shower, boy’.
And the answer is ‘pray to the Holy Ghost when you suck your host’.

You know what Lime have said to Martins before he said ‘So Long’.”

 

2.

I don’t remember who exactly cast that spell:
Andy Warhol or John Cage,
– heinz Stockhausen or bert Indiana,
G. Klimt or Erik Satie — it was:
repeat the thing until it loses every piece of sense it ever beared
on this “Long and Winding…” “…Hard Road out of hell”.
But what happened i can only presume.

So —
here it is. The Sentence. Good and clean-cut. It states something and it stands for it to the end.
Look closer — just like when you tease the beauty to show the other side — look closer —
First it seems to be moving,
then it seems to be trembling —
and in the end it’s just the crowd of letters waiting for the miracle

it’s just the crowd of letters who demand:
— something to be broken;
— something to be mirrored;
— something to be marooned;
— something to be tortured;
— something to be controlled;
— something to lie aside;
— something to be ordered;
— something to be cracked;
— something to be fucked;
— something to drill a hole in the wall which is actually a centuries-old tree;
— all for approving itself as the coherent whole.

And as it usually happens —
then they go —
in every direction you can ever imagine
there, there, there and there and even there and also there —
just like the big bang — and the universe happened,
shit also happens
for a start — and there’s a bigger need to measure all this jazz
But it lies over the top of the threshold of the unmeasurable and unbearable treasures of mankind that survived a certain kind of suffering only to achieve the title which hints on obvious fact of selfexplication and self-reimagining in depend for the glory of the not so bright line which will be never reached.
I wonder what that means. Some kind of repent for the wasted time, I guess.
And lots of Oh No No, No No No (is that a Transformers guy punchline? oh, forget about it).

So this crowd does what can be called “get lost”
they run away
and they hate it
’cause who loves the breakups?
They had a good time together
but now they have to go
they want to disappear
they want to cease to exist
their forms are getting tighter
their senses getting thin
and don’t forget about the flies flying all over them
althrough they still move — there are colonies of them around and that sound (so annoying)
and it seems that their movement is just the dream
They’re still
They stand still
Thats what happened,
I presume — they dissolved
to wander where no word had gone before
but
Nothing actually happened.
What a waste.

3.

It’s all right. Every is going fine. Swim until you feel the terror caused by pleasure just to realize you’re in the box where you’re up to know yourself more than you are used to know yourself.
It’s just someone mean
had morphed into the kangaroo
and started to punch you
using it’s powerful legs
You can hear from him
— you gotta fly away, man,
you got to do what I say to you, this time it’s getting lost by raving without a clue because of the spellbounding discovery.

The purpose is to write off something
and to drop it off —
To blow the head off
as many times as it’s possible —
it coaxes the one whose top you’re blowing
or is it better to tear off all the upper the part of body — all at once
for sure

So
Let’s do it
On the corner
In a silent way
of the missionary position
of the Da Da Da
where (I don’t love you — you don’t love me — aha aha aha) lies

Put it on your back
— it’ll break up anyway in the near future
There — on your future back — your shadow gonna kick it
First it’ll kick the knee
Then it’ll punch the stomach
Then you understand — you can’t bear it anymore
but you can handle it
And drop it
And the thing you’ve dropped falls and kicks its chin against the land of the fee.
How pitiful is it?

There was nothing of it — but you thought there was — but there was none
But here come the lack
and because you’re used to care — “things have changed” —
The only thing there was now — was the problem
— the problem coming from the both sides now
only to be shot
on the run to the outside of everything
and then it jacks off the wounded knees and rubs them against its chest
then it takes it to mouth and holds it there
so long you can make a statue during the take.
Hair can grow and hair can go during that take
and still — kneein’ the mouth
“a worried man with a worried mind
no one in front, no one behind.”

Will you drink from your lap or you’re just fibbing?

Years ago
someone was about to make you his bitch
someone was about to make you suck it down
and you know — you blew it.

* * *

RAG IN AYE-EYE-I
2016

0/

C’era un testo.
Ma nessuno
ci fece caso.
A nessuno fregava di un altro testo.
Perché avrebbero dovuto?
Non cambierà le loro vite o stili o opinioni.
L’unica cosa che ci faranno — sarà riempire l’accidia del tempo libero.

Il carattere
si fece sempre più pesante
ora dopo ora
ma ancora
nessuno ci fece caso —

finché il testo
fece
il nulla e il vuoto.
«Questo si che si chiama fottere!» dice l’immaginario Warren Beatty qua.
Bolle volano dallo Shampoo
la Tromba diffonde il rag arrabbiato

1.

Mettiamo in chiaro questo
nessuno è mai soddisfatto del risultato
soprattutto quando non si è il creatore ma colui che percepisce.
Ecco perché non c’è abbastanza sig. Gaudi in giro
Ecco perché non è rimasto niente del compagno El.
Ma qui, in poesia — questa stranissima e alquanto oscura reazione è portata fino a undici.
È quasi inevitabile.
E va così
in misura non troppo complessa.
ché nessuno ama il valzer —
così ogni movimento è in marcia tra chiacchiere e tosse.

Ma per il momento — immaginiamo il mondo — dove niente è fatto e non c’è niente da aspettarsi.
Pile di materiali da costruzione tutt’intorno — fa’ ciò che vuoi — ma fallo in modo che nessuno ne resti sbalordito — solo informato della sua esistenza.

Non ti ricorda qualcosa? Oh, è il mondo in cui viviamo. Ecco le parole. Combinale in tutti i modi che vuoi. Ecco le frecce — faciliteranno la tua ricerca di questo per così dire imperdo-menticabile fuoco. E aspetta un minuto — il tavolo era il volante — dove va? Riportatelo indietro, se possibile sul piatto, riportatelo come avete fatto con quel Leroy Brown, riportatelo indietro…

Puoi quasi sentire
questa poesia che ti dice
«è colpa tua, figlio di puttana, è colpa tua —
hai torto, ogni volta e sei così libero —
sei malvagio e hai così torto che
“il mondo si aspetta un uomo che si pieghi e spali merda”.
E tutto questo succede perché volevi “sentire” e “volevi solo essere amato”.
ché sei blando, noioso, tedioso nulla del vuoto. Zero e Zero — Doppia Z.
Meraviglioso Definitivo Sconcertante Sorprendente Vuoto. Fa’ posto Battito Sollevato Quando il Mondo Stanco è in casa.
Nessuno capisce, nessuno se ne frega.
Ma tutti ancora pensano che qualche “strano tipo di amore” faccia girare il mondo “in tondo”. “Mondo in movimento”, voce dell’essere da “Higher Ground” che dice: “…continua a spingere …continua a lottare …continua a girare …non durerà per molto”.
Ma la reazione è — “vatti a fare una doccia, ragazzo”.
E la risposta è “prega lo Spirito Santo mentre succhi l’ostia”.

Sai cosa disse Lime a Martins prima di dire “Addio”».

2.

Non ricordo chi, esattamente, ha lanciato quell’incantesimo:
Andy Warhol o John Cage,
— heinz Stockhausen o bert Indiana,
G. Klimt o Erik Satie — è stato:
ripeti la cosa finché perde qualsiasi senso abbia mai avuto
su questa «Lunga e Tortuosa…» «…Dura Strada fuori dall’inferno».
Ma ciò che è successo lo posso solo supporre.

Quindi —
ecco qua. La Frase. Buona e delineata. Afferma qualcosa e la sostiene fino in fondo.
Guarda più vicino — come quando si stuzzica la bellezza affinché mostri l’altro lato — guarda più vicino —
Prima sembra che si muova,
poi sembra che tremi —
e alla fine è solo la folla di lettere in attesa del miracolo

è solo la folla di lettere che chiede:
— qualcosa da rompere;
— qualcosa da riflettere;
— qualcosa da abbandonare;
— qualcosa da torturare;
— qualcosa da controllare;
— qualcosa per stendersi di fianco;
— qualcosa da ordinare;
— qualcosa da incrinare;
— qualcosa da fottere;
— qualcosa per fare un foro nel muro che in realtà è un albero secolare;
— tutto per approvarsi come insieme coerente.

E come sempre succede —
poi se ne vanno —
in tutte le direzioni che puoi immaginare
là, là, là e là e addirittura là e anche là —
proprio come il big bang — e l’universo accadde,
anche la merda accade
per cominciare — e c’è un maggiore bisogno di misurare tutto questo jazz
Ma giace sulla cima della soglia degli immisurabili e insopportabili tesori dell’umanità sopravvissuti a certi tipi di sofferenza solo per raggiungere il titolo che allude a un fatto così ovvio di autoesplicazione e auto-reimmaginazione nella dipendenza per la gloria della non così luminosa linea che non sarà mai raggiunta.
Mi chiedo cosa significhi. Un qualche tipo di pentimento per il tempo perduto, immagino.
E un sacco di Oh No No, No No No (è una battuta di uno dei Transformers? oh, lascia perdere).

Quindi questa folla fa ciò che può essere chiamato “perdersi”
fuggono via
e lo odiano
perché: chi ama le separazioni?
Hanno vissuto bei momenti insieme
ma ora devono andare
vogliono sparire
vogliono cessare di esistere
le loro forme si fanno più strette
i loro sensi più fini
e non dimenticare le mosche che volano loro intorno
benché si muovano ancora — ne hanno colonie, attorno e quel suono (così fastidioso)
e sembra che il loro movimento sia solo il sogno
Sono fermi
Sono fermi in piedi
Questo è ciò che è successo
presumo — si sono dissolte
per vagare dove nessuna parola è andata prima
ma
In realtà niente è accaduto.
Che spreco.

3.

È tutto a posto. Tutto va bene. Nuota finché puoi sentire il terrore causato dal piacere giusto per renderti conto di essere nella scatola dove ti stai conoscendo più di quanto tu non fossi abituato.
È solo un qualche violento
trasformatosi in canguro
che ha iniziato a colpirti
usando le sue potenti zampe
Puoi sentirlo da lui
— devi volare via, amico,
devi fare quello che ti ho detto, questo tempo si perde nel delirio senza indizi a causa dell’incantata scoperta.
Lo scopo è di scrivere qualcosa
e di lasciarla —
Far saltare la testa

quante più volte possibile —
convince quello di cui stai facendo saltare il capo.
o è meglio strappare tutta la parte superiore del corpo — tutto allo stesso momento
certo

Quindi
Facciamolo
Nell’angolo
In modo silenzioso
nella posizione del missionario
del Da Da Da
dove (io non ti amo — tu non mi ami — aha aha aha) giace

Buttatelo alle spalle
— si romperà comunque in un prossimo futuro
Là — sul tuo passato futuro — la tua ombra lo prenderà a calci
Prima calcerà al ginocchio
Poi colpirà lo stomaco
Poi capisci — non lo puoi più sopportare
ma puoi resistere
E lasciarlo cadere
Ma la cosa che hai lasciato cadere cade e scalcia il mento contro la terra della parcella.
Ma quanto è pietoso?

Non ce n’era per niente — ma tu pensavi che ce ne fosse — ma non ce n’era
Ma ecco la mancanza
e proprio perché sei abituato a curartene — «le cose sono cambiate» —
L’unica cosa che c’era ora — era il problema
— il problema proveniente da entrambe le parti ora
a cui solo sparare
nella fuga al di fuori di tutto
e poi strofina il ginocchio ferito e lo sfrega contro il petto
poi lo prende in bocca e ce lo tiene
così tanto da scolpire una statua nell’attesa.
I capelli possono crescere e cadere nell’attesa
e ancora — ginocchio in bocca
«un uomo preoccupato con una mente preoccupata
nessuno davanti, nessuno alle spalle.»

Berrai dal tuo grembo o stai solo mentendo?

Anni fa
qualcuno stava per fare di te la sua troia
qualcuno stava per fartelo succhiare
e, lo sai, lo hai fatto.

[Traduzione di Ermanno Moretti]
[Tratto da Volodymyr Bilyk, Undestanding (of Language) Are Not Enough / La comprensione (del linguaggio) non basta, PDF pubblicato sul sito diaforia.org, a cura di Daniele Poletti]











































tutti i testi pubblicati in
(e ospitati da) GAMMM
sono sotto una Licenza
Creative Commons
= all texts (CC) by
m.giovenale, m.guatteri,
a.raos, m.zaffarano & hosts.
/ if not specified,
all photos are (CC) by m.giovenale /


gammm is a non-profit site.
to support us you can donate
anything you want: paper,
used computers, money, manors.
feel free to make us rich,
and tell us how: email us:
gammm_redazione [at] yahoo [dot] it

! thank you !




gostopGIF_R