da COMMENT UNE FIGUE DE PAROLE ET POURQUOI / Francis Ponge. 1977. I

14 février 1951, Paris

LA FIGUE

La figue est une pauvre gourde à l’intérieur de laquelle (au cœur de laquelle, la remplissant toute) luit un autel scintillant.
La figue est molle et rare (?). Phrase donnée automatiquement.
Dans l’intérieur de la figue, qui est une molle gourde, comme une pauvre gourde, comme une église de campagne, luit comme un autel scintillant.
Voilà déjà qui fait assez espagnol (rouge et or).

Cette pauvre gourde est comme une petite église de la campagne espagnole.
Il mordait à pleines dents dans une bourse molle, pleine d’une confiture épaisse dilapidant son grain.
Grosse perle de caoutchouc, petit poire baroque, nous l’aimons comme notre tétine.
Ma chère amie, pourquoi ne nous donnez-vous pas plus souvent à manger des figues sèches? 1) Figue fraîche. 2) Figue parfaite. 3) Figue sèche. C’est si bon! Ces sortes de bourses molles, ces gros tétins couleur de pierre sèche, comportant cette sorte de pâte ou de confiture trop cuite, fort sucrée, réduite, sablée de pépins (de pépites?), F.P.
Il faut parler de l’arbre (figuier), d’un style aussi pur que celui du gui, des belles formes du tronc et des branches, et des splendides feuilles, parmi les plus parfaites qui soient, d’un style si pur, et rare.
Ficus. Palmes arrondies (arp). Pas très loin des plantes grasses. Figuiers de berbérie.
Continue reading “da COMMENT UNE FIGUE DE PAROLE ET POURQUOI / Francis Ponge. 1977. I”

john mccracken

mccracken.JPG    mccracken1.JPG   

My first rule in art-making: the work must have being, presence.
Second rule: it must be strong and beautiful. Third: it must be positive.
Metaphors for the work: energy object.
The real thing that brings real smiles.

John McCracken

[from: John McCracken, Almine Rech Éditions, Paris, 2000. Image: two McCracken works from Documenta XII, Kassel, 2007.]

da YOU ARE A LITTLE BIT HAPPIER THAN I AM / Tao Lin. 2006. II

loneliness is just a word that means you are feeling alone and depressed and starting to think about how difficult and strangely impossible it is for you to be interested in the same people who are interested in you and how if you don’t change your worldview and personality soon then you will probably always feel alone and depressed because you can’t remember a time when you haven’t felt alone and depressed but really you can and that is when you were a small child but that small child seems like a different person, really, than who you are right now and you can’t become a different person anymore because you are over twenty years old and people this age don’t change unless they fall off a barn and get a long metal rod through their brain and then they change drastically and get studied by scientists and never have to get a real job again but always look very alone and far away and doomed on TV even if they and all their friends and family and an international team of doctors, neural surgeons, and psychologists – cognitive, behavioral, courtroom, and analytical – say that they aren’t at all

on the internet you say you hate people
i say i hate people a lot more than you do

we are at a restaurant
everyone is talking
i feel sad and frustrated
because that is how i feel when i am around people
i hear you say you hate people
i say i hate people way more than you hate people

in the train station you are talking
i move very close to you
i hug you a little while you are telling me something
you laugh and twist away and take my banana and throw it in the trash

on the train i put on sunglasses
i say i wear sunglasses all the time now
you ask why
i say so people can’t see the weakness in my eyes

it is the next night and four in the morning

***

solitudine è solo una parola che significa che ti senti solo e depresso ed inizi a pensare a quanto difficile e stranamente impossibile è per te essere interessato alle stesse persone che si interessano a te ed a come se non cambi presto la tua visione del mondo e la tua personalità allora probabilmente ti sentirai sempre solo e depresso perché non riesci a ricordare un momento in cui non ti sei sentito solo e depresso ma in verità puoi ed è quando eri bambino piccolo ma quel bambino piccolo sembra una persona diversa, davvero, da chi tu sei adesso e non riesci più a diventare un’altra persona perché hai più di vent’anni e le persone a questa età non cambiano a meno che non cadano dal fienile e si prendano una lunga sbarra di metallo attraverso il cervello al ché cambiano drasticamente e vengono studiate dagli scienziati e non devono più avere un lavoro vero ma appaiono in TV sempre molto sole e lontane e condannate anche se loro ed i loro amici e famigliari ed il team internazionale di dottori, neurochirurghi, psicologi – cognitivi, comportamentali, legali e analitici – dicono che non lo sono affatto

in internet tu dici che odi la gente
io dico che odio la gente molto più di te

siamo in un ristorante
stanno parlando tutti
mi sento triste e frustrato
perché è come mi sento quanto sono in mezzo alla gente
sento che dici che odi la gente
dico che io odio la gente un sacco più di quanto tu odi la gente

alla stazione stai parlando
mi sposto molto vicino a te
ti abbraccio appena mentre mi stai dicendo qualcosa
ridi, ti divincoli e prendi la mia banana e la butti nella spazzatura

sul treno mi metto gli occhiali da sole
dico che adesso porto sempre gli occhiali da sole
chiedi perché
dico così la gente non può vedere la debolezza nei miei occhi

è la notte dopo e sono le quattro del mattino

[You are a little happier than I am / Tao Lin. – Action, 2006] [traduzione di Gherardo Bortolotti]

FOURTEEN POEMS / Charles North. 1989

FOURTEEN POEMS

Similarly, whereby the current polarization
Holds out little hope for lasting revision

*

Meanwhile tragedy outgrows its religious
Origins in an effort to encompass

*

A dip in air pressure, the sense that daylight
Has slipped from its porch onto the grassy night

*

Need, ambition, unrest, and one-dimensional
Thinking latticed on a horizon of metaphysical

*

Rather than its extension by mutual process
Into means, and thence the directory of endless

*

Aquamaniles used to come in colorful guises
People and monsters joined in practical devices

*

In circuitous like memory in a snake.
You follow the coastline for several miles, then forsake

*

A large patch of dandelions, the sense that light
Has curled back into the eye—a figment of sight

*

A theory may be true and also a puzzle
As good weather includes an occasional light drizzle

*

Carthwheeled bolted to the explosion that worked
By individual decoy which for once unfrocked

*

The way “blue sky” is an appropriate term
Emitting a clear redundancy, like a germ

*

As beautiful as a jar that holds the beautiful
For centuries—or until the idea is full

*

All landscape and consequently all distance
Are wings, to which the essential substance

*

Raspberries being the perverse lacrymae
Confusing time and space. As for civic decay

QUATTORDICI POESIE

Similmente; per cui grazie all’attuale polarizzazione
Restano ben poche speranze di una revisione duratura

*

Intanto nel tentativo di coinvolgere la tragedia
Trascende le sue origini religiose

*

Uno calo nella pressione dell’aria, l’impressione che la luce
del giorno scivoli via dalla veranda per raggiungere la notte erbosa

*

Bisogno, ambizione, irrequietezza, e il pensiero a una dimensione
sagomato come una grata lungo un orizzonte di metafisica

*

Al posto di un’estensione trasformata in mezzo grazie a un
Processo reciproco, e a partire da lì l’elenco degli infiniti

*

Una volta di aquamanile se ne facevano d’ogni tipo e colore
Gente e mostri riuniti in pratici accorgimenti

*

Tortuosa come in un serpente la memoria.
Per parecchie miglia segui la costa, poi l’oblio

*

Un bel pezzo di prato coperto di denti di leone, impressione di una
luce rincantuciata nell’occhio—un fantasma della vista

*
Non si esclude che una teoria possa essere vera o anche un rovello
Così come il bel tempo non esclude una pioggerella di tanto in tanto

*

Piroettato inchiodato all’esplosione che ha funzionato
da parte di una finta che almeno una volta si è tolta

*

Il modo in cui “cielo azzurro” deve dirsi esatta definizione
capace di trasmettere , come un virus, una non equivocabile ridondanza

*

Bella quanto un’anfora che contiene il Bello
Per secoli e secoli—o finché l’idea resta piena

*

L’intero paesaggio e pertanto l’intera distanza
sono ali, delle quali la sostanza essenziale

*

Essendo i lamponi lachrymae perverse in cui vengono
confusi spazio e tempo. Quanto poi al civico decadimento

[Traduzione di Luigi Ballerini. In: Nuova poesia americana. New York / a cura di Luigi Ballerini, Gianluca Rizzo e Paul Vangelisti, Mondadori, 2009]

da WHEN/WHERE / Fabienne Vallin. 2008

Fabienne Vallin
when / where.2008



Tout est là
Tout est à sa place
Tout va disparaître

*

La nappe à carreaux
La soupe de légumes

*

On ferme le volets
Un peu plus tard en été

*

Trois citrons buffet bleu haricots verts
Les clapiers abandonnés
Tomates oranges amères mur jaune lanthanias

La récolte de la treille sera bonne cette année

*

La chaleur les insectes
On n’entre pas
On ne sort pas
Les chiens
Les rideaux
Les housses
Les chiens les insectes

*

Le petit chat roux est intact
Pas encore l’heure des mouches

*

Ça crisse
Ça s’arrête d’un coup

*

On oublie tout ça
On pose les couverts sur le bord de l’assiette

*

Il fait lourd
Quelque chose comme ça

*

Ouvrir les fenêtres
Arroser les plantes
Poser le courrier
Sur
Branche de laurier
Sur
S’enfuir

Grésillement d’une mouche agonisant sur le parquet

*

Il fait chaud
Personne

*

Le chien aveugle fait son tour
Il n’y a pas d’étoiles
Le papillon de nuit est plié

*

Les grillons se taisent
Il ne fait pas plus chaud qu’hier

*

Il s’appuie sur le mur
Les hortensias de la cour
Il va pleuvoir

*

Rentrer vite
Les arbres sont énervés

*

Et puis cet homme
Qui parle tout seul en haut des marches
Dans cette langue que je ne comprends pas

*

Les poulets grillés tournent sur eux-mêmes
Les fruits la poussière l’asphalte
Quelque chose lourd
La même chose dans l’autre ville
Le port un peu plus loin

*

Le mur en face
Attendre

*

24 poses
Femme à sa fenêtre avec chien

*

Tu écris les photographie que je n’ai pas faites
Nous laissons quatre pêches sur la table

*

L’homme se tait
Les chiens dorment
Il pleut un peu plus tard

*

L’homme pleure
Ne rien dire

*

Le son des pages tournées

*

Ne me demande plus où c’est
C’est partout
C’est n’importe où


* * * Continue reading “da WHEN/WHERE / Fabienne Vallin. 2008”

da NOTE / Sergio Soda Star. 2009. II

UN ALTRO APPASSIONATO DI NIENTE

C’era una volta un altro appassionato di niente. Questa storia si ambienta nella città caserta in provincia di napoli dove questo personaggio andava avanti senza prospettive essendo convinto che niente poteva appassionarlo, e cioè non amando il niente ma non amando niente. Questa differenza che lui faceva aveva sempre molte difficoltà a spiegarla perché spesso non appena diceva che era appassionato di niente e soprattutto che studiava filosofia nell’università di caserta moderna tutti pensavano che era il classico filosofo che faceva quei discorsi sul nulla, sull’infinito, sul cosmo ecc. ma non era così. Comunque finalmente gli studi finirono, e arrivò alla laurea alla quale presentò una tesi con un titolo assurdo che addirittura lo fece sfottere anche da parte dei suoi professori e dei parenti mentre discuteva, si chiamava Aprimenti veritativi: come autentificare e disvelare l’ontico in provincia di napoli. Lui però essendo disoccupato voleva continuare gli studi perché aveva già inventato un progetto che si chiamava Oltre l’aprimento veritativo. Linguaggio democratico e società civile, ma il professore gli disse che adesso era meglio se cercava un lavoro anche perché era un ottimo momento soprattutto nei coll centers e purtroppo avevano tagliato i fondi per la ricerca consigliandogli di scriversi alla cgl anche perché la situazione a caserta era quello che era. Lui certamente non fu felice ma il ragionamento che fece fu questo: “per me una cosa vale l’altra, nell’estasi del linguaggio. Ma questo non vuol dire che non proverò a spendere questo titolo a napoli, o che non proporrò il mio progetto di studio nelle università di quella metropoli”.
Continue reading “da NOTE / Sergio Soda Star. 2009. II”