da "i miei pezzi" / andrea inglese. 2013

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

st1:*{behavior:url(#ieooui) }

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

Dopo la nascita è importante migliorare, questo me l’hanno detto senza equivoci. È importante migliorare, con le proprie forze, per la valutazione continua. L’ascoltare, ad esempio, deve essere correttamente migliorato alla perfezione. Apprezzare il momento sonoro, quando si cammina o si incespica, e organizzare suoni e silenzi, affinché ritorni il tema principale dopo ogni digressione (ad ogni ripetizione il tonfo [il colpo] varia, sicché nonostante le numerose ripetizioni l’interesse del pezzo è accresciuto). È importante organizzare l’ascolto della propria camminata, apprezzare il rondò della camminata, fare molti pezzi di una camminata. È importante migliorare il momento del suono. Il suono che sale quando si cammina, la camminata sonora. È dentro quel suono che bisogna adattare l’ascolto, raffinarlo, guidarlo al compimento: si può farne qualcosa: 1) scalpiccio, 2) battito, 3) tacchettare. Se non c’è ancora un buon camminare, perché si va carponi, in modo inefficace, se più che altro uno si trascina, o rimane ostacolato dalle proprie gambe, il momento sonoro lo si fa da fermi, pestando per terra, o poggiando un piede e poi l’altro, con grande pazienza. Ogni moto a luogo un perfezionamento, nel senso sia musicale che atletico, d’avventura.

°

Quelli che hanno inventato il calcestruzzo, possono dirsi fortunati. Questo me l’hanno detto senza equivoci. Alcuni altri hanno inventato il comando “Aggiungi 1”. Quelli seduti intorno allo schermo murale hanno inventato la capanna interamente grafica. “Dobbiamo inventare il piano di civiltà”, è l’insegna di tutti i quartieri. Lo sa anche la donna che avanza con un piede scalzo, i seni ballano nella maglia troppo larga, cerca di fare qualcosa di quanto ha lungo le cosce, le strisciate di crema o sugo, deve senza smettere di camminare, ci prova con la carta raccolta da terra, con la punta delle dita insalivate, è un ottimo esempio, ancora qualche metro e verrà fotografata, sta immaginando come cadere sul fianco, bene per le piccole cineprese d’angolo. Io non mi alzo, che sono tutto dedito al respiro. Che godo il momento visivo. Che miglioro il modo che ha il mondo di venire su di me, e anche il fortissimo del rombo del treno: se giunga dallo steccato, e vada a consolidarsi in una zona chiara dell’ascolto, in mezzo ad altro fracasso, per essere dichiarato autentico. Così come lo sento, è una piccola porzione, un primo pezzo. Lo tengo a mente per meglio inventarlo. (Sarà lavorato l’intera notte, tradito nei minimi costituenti, perché renda davvero tutto, e sia reso appieno, estraneo piccolo blocco: da mercato e consegna, finalmente valorizzato.

° Continue reading “da "i miei pezzi" / andrea inglese. 2013”