TINA sarà distrutto / amandine andré. 2014

 

Amandine André
TINA SARÀ DISTRUTTO
2014
Traduzione di Michele Zaffarano

 

Il 12 luglio 2013 un treno deraglia a Brétigny-sur-Orge. Circola la notizia che i cadaveri delle vittime siano stati derubati e che anche i pompieri siano stati presi a sassate. La notizia viene ripresa dai media e smentita solo qualche giorno più tardi. Brétigny è una cittadina caratterizzata da grossi complessi abitativi, il che significa popolazione povera.
A.A.

 

Lui o lei sa come compiere il male e la discordia tra popoli e persone. Lui o lei sa come distruggere e rendere muti. Lui o lei lo fa dappertutto lo si può anche chiamare gli incidenti dopo l’incidente ferroviario di Brétigny. Lui o lei è fatto per questo è senza vergogna. Lui o lei è fatto per negare e diffondere l’odio. Lui o lei diffonde menzogne e calunnie. È il fare di lui o lei per mezzo della scatola parlante flash. Lui o lei sventola il “si dice” per lui o lei non c’è bisogno di nessuna prova. Dire è sufficiente per diffondere l’odio e dividere popoli e persone. Lui o lei domina ogni paura e s’inventa lupi. Lui o lei nasconde i propri crimini e accusa e insulta e controlla. Lui o lei ha il potere non ha la sua garanzia. Lui o lei si assicura di rimanere garantito. Lui o lei s’inventa storie per seminare discordia tra popoli e persone. Gli incidenti dopo l’incidente ferroviario di Brétigny è il nome di una calunnia costruita sul cadavere dei popoli e delle persone. Continue reading “TINA sarà distrutto / amandine andré. 2014”

polaroid / claudio salvi. 2012-15

*

due righe (?)—se guardi bene io sono in piedi. emily chiede di te. è lei che si siede. bel tempo fino a martedì.

 

*

questo è un liceo. chiusure, blocchi—un prato. un’auto in pieno sole. muovendoci attorno chiaro senso di spazi nuovi.

 

*

dopo la pioggia—in cima. portofino è interamente in territorio italiano. cosa ne dici dello scorcio.

 

*

gli uccelli mangiano le ciliegie—io metto una radio in mezzo ai rami di questo ciliegio.

  Continue reading “polaroid / claudio salvi. 2012-15”