elenco completo delle cose che ho trovato nell’uovo di pasqua / fabrizio venerandi. 2021

un portachiavi in balsa raffigurante Didone abbandonata che canta “Lasciatemi Morir” di Monteverdi; un lepidottero vivo in scala 1:100; un tabulato con settecentotrentuno chiavi di accesso a Facebook; una carta di credito intestata a Richard Stallman; un 45 giri inedito di Franco Battiato del 1971 intitolato “Orione e Sirio, tre a due”; una confezione di Astrazeneca contenente in realtà tre profilattici marca Settebello; un VHS amatoriale con una registrazione di una messa di Papa Wojtyla degli inizi degli anni novanta; alcuni pezzi spaiati di puzzle Disney; un’edizione portatile delle tavole numeriche dei numeri da uno a centomila (solo i numeri pari); un piccolo peluche a forma di Sigmund Freud; una cartina geografica muta della Bolivia; un cavo SCSI; un normografo; un numero del PostalMarket del 1982; un robot trasformer che si trasforma in coltellino da burro; una copia non autenticata della tessera Amici di Goldrake; un tampone faringeo di Patsy Kensit; l’impronta dentale inferiore di David Bowie (in balsa); il pugno a molla del modellino Gundam che avevo perso sotto a un divano nel 1982; tre carte inedite degli imprevisti del Monopoli, tra cui una che recita: “Durante i lavori di ristrutturazione di uno dei tuoi alberghi, uno dei muratori molesta verbalmente unə deglə altrə giocatorə che ti intenta una causa legale che si trascina per anni con una perdita di immagine difficilmente quantificabile: tira un dado da venti e moltiplica il risultato per ogni giocatorə e per ogni giro del tabellone eseguito fino a quel momento, somma la costante di Stefan-Boltzmann e converti il risultato in euro che devolverai a una onlus operante nell’Africa subsahariana”; una carta Pokemon dei primi anni duemila, con l’immagine di Pikachu Attonito (pv 12, mosse possibili: Sbigottimento -4); un elegante volume d’arte brossurato della Electa con una raccolta scelta di meme internet; un soldatino di balsa, mutilo della testa, facente parte della collezione “Gioca anche tu con la storia: la rivoluzione francese” raffigurante Robespierre nel 1794; un raro libro Disney “Giovani Marmotte crescono” con contenuti cringe su adolescenza e problemi di polluzione nella pubertà; una padella (usata) di Kurt Cobain con autenticazione dello studio notarile Wilson di Aberdeen; un modem 1200 baud Hayes compatibile; un braccialetto in balsa con ciondolo a forma di bodhisattva; un mini-cd con l’installer di Netscape 1.2 per Windows 3.1; un numero del fumetto Geppo, ancora incelofanato; le lastre che mi ero fatto al ginocchio primi anni novanta e che erano sparite nel nulla; tutti i dentini che i miei figli avevano venduto ai topolini e alle fate dei dentini, con un certificato di reso per incauto acquisto e una richiesta rimborso; un orologio al quarzo con retroilluminazione, funzionante, ma fermo; una copia 1:100000000 del pianeta venere (in balsa); una biscia colloidale (viva! cazzo è viva, prendi la scopa!); una scatola delle Sorpresine del Mulino Bianco contenente due falangi umane non identificate; un termometro per altiforni aziendali; colligine; una coperta in lana matrimoniale trapunta azzurra e cobalto con cucito a mano il motivo dell’icona di Dropbox; un biglietto per un concerto mai avvenuto dei Thompson Twins; un audiomessaggio registrato in minicassetta dei Gatti di Vicolo Miracolo che mi augurano buon compleanno e poi ridono, per ventidue minuti di seguito; un telecomando bluetooth che se lo premo mentre sto scrivendo al computer, improvvisamente succede che

some sentences from an interview, in “secession” / rirkrit tiravanija. 2003

“I’m not making a sign, I’m not creating an image, but I am interested in a kind of attitude or a shift in how one thinks. I don’t make things that everyone can agree on, things that say ‘This is what it’s all really about in the end’. It’s much more shifting and ephemeral than that, so I think that statement is really about having a different sense of culture”. […]

“I always want to have the same experience as the visitor in the sense that I don’t know what is going to happen. My experience of my own work is the same as everybody else’s as I don’t really know what will happen. I don’t start from the point of knowing”. […]

“My approach is always to look for more possibilities, seeing different people doing different things and thinking in different ways in terms of being in the space”. […]

“I start with a kind of frame to open up ideas, but not as if I’m the originator of these ideas, it’s more about how one can use these ideas, to start a new frame for them”. […]

Matthias Hermann: “That is the opposite of appropriation art, where people take an idea and appropriate it for their own agenda. You do it the other way round, you take an idea and open it up, but for everyone to use it”. […]

Rirkrit Tiravanija: “It is about someone who works or is in the place and deals with the situation, deals with what’s happening”.

Rirkrit Tiravanija,
in Secession (2003)

an inquiry into wanting / ghazal mosadeq. 2020

Oggi un nuovo ebook su gammm.org: si tratta di Inchiesta sul mancare, di Ghazal Mosadeq. Il file pdf [88 Kb] è leggibile e scaricabile qui o dalla pagina gammm/ebooks. Traduzione italiana di Andrea Raos.

*

From today, a new ebook at gammm.org: it’s An Inquiry into Wanting, by Ghazal Mosadeq. You can read and download the pdf file [88 Kb] here or @ gammm/ebooks. Italian translation by Andrea Raos.

Il testo esce in parallelo su Nazione indiana:
https://www.nazioneindiana.com/2021/02/11/inchiesta-sul-mancare-alla-maniera-di-neruda/

_

_

seconda visione / luca zanini. 2021

a monkey drinks per spiegare] l’epilogo si può perfezionare anche rendere duttile un vero e proprio processo di riepilogazione si] rovescia cento anni sopravvissuti ai cine parrocchiali gli androni tappezzati rinchiusi nel sottoscala gli occhi] restano gli] occhi nel sottoscala feltro feroce[ foresta

nel senso della luce / corrado costa. 1983

Ci fanno poi vedere
continuamente film
con attori che corrono più veloci
del film.
La velocità del film è costante.
Delle volte continuiamo a vedere
continuamente
film a velocità costante
con attori che sono molto più lenti
del film.
Non si sa
se siamo entrati prima
o dopo.
_

da Vanno a vedere tre film,
in The Complete Films (1983)

una lettura possibile:
slowforward.net/2020/11/17/2letture-alfaville-associazionealfabeta-costa-e-rosselli/

_