George Oppen, da “Naufragio del singolare”

Cinque poesie sulla poesia / Five Poems about Poetry

1

IL GESTO

La domanda è: come tieni una mela
Se ti piacciono le mele

E come si maneggia
Lo sporco? La domanda è

Come si tiene a mente
Qualcosa che si vuole

Afferrare e come fa il venditore
A reggere un gingillo che vuole

Vendere? La domanda è
Quando non ci saranno più cento

Poeti a scambiare quel gesto
Per stile.

Continue reading “George Oppen, da “Naufragio del singolare””

da "bubuluz" / rodolfo zucco. 2017

Artusi

Anguilla

Delle vecchie
anguille, poi, che sono scese al mare,
non si sa che ne avvenga.

(Forse, restando nella profonda
oscurità degli abissi marini,
muoiono, sotto
quell’enorme pressione –

o si modificano
per adattarsi.)

*

Pavone

Quando Alessandro
il Macedone, invasa
l’Asia Minore, vide questi uccelli
la prima volta

dicesi rimanesse così
colpito dalla loro
bellezza, da interdire con severe
pene di ucciderli

*

Piccione

Una signora prega
un uomo, che le capita per caso,
di ucciderle un paio di piccioni

ed egli, lei presente,
li annega in un catino d’acqua.

* * *

Rodolfo Zucco, serie Artusi, da Bubuluz,
Edizioni del verri, Milano, 2017

 

villino svizzero / mariangela guatteri. 2016

 

La terra si trova in una condizione precaria.

Tutti devono nascere; allungano milioni di teste.

 

In principio la proprietà è privata. È tutto.

Arriva un ufficiale, un fabbro, un medico. Si fa un giudizio civile. Si fa uno straniero.

La condizione dello straniero è precaria. Deve dimostrare di avere soldi legittimi.

Agli indigenti, oziosi, vagabondi; a chi esercita la prostituzione o l’elemosina, viene consegnato un foglietto che ordina.

Obbedire al foglio; non obbedire.

Il punto finale è un carcere. Si fa uno stato di grande debolezza.

 

C’è una continua instabilità della propria posizione personale.

Una cosa stabile è il letto di contenzione e l’individualizzazione dei trattamenti.

Ci sono repressi provvisori, casuali e superiori; ci sono sottoprodotti di classe stabilmente destinati, inferiori.

Ogni malanno di classe si abbatte su delle masse in modo obiettivo: una condizione che ricompone gli atteggiamenti per ciò che si è dentro.

Un metodo per i comportamenti.

Continue reading “villino svizzero / mariangela guatteri. 2016”