scrivere luoghi / carlo fossati. 2018

Nei miei piccoli pezzi spesso descrivo un luogo. Un luogo in un particolare momento, quando accade qualcosa in mia presenza. È quindi una descrizione sia del luogo sia dell’evento, che sono poi un tutt’uno. Ma ogni piccolo pezzo è a sua volta un luogo, la sede di un allestimento, creato per mezzo di parole. Questa è una modalità che potrebbe derivare direttamente dalla mia personale pratica di allestimento di mostre o installazioni di arte visiva. Ma potrebbe essere anche il contrario, perché scrivo da molto tempo prima che cominciassi ad allestire installazioni in spazi espositivi. Ma poi chissà, prima l’uovo o prima la gallina? Perché pratiche minime di allestimento, di collocazione di oggetti di varia natura in uno spazio, le attuo da lunga data, da prima ancora che imparassi a scrivere. Quindi, per mettere insieme piccoli pezzi come i miei credo sia necessario avere un senso dello spazio. Si aggiunge, si sposta o si toglie una parola, oppure una virgola, come si sposta, si aggiunge o si toglie un elemento di un’installazione. E questo non si fa tanto per ‘abbellire’ la forma, ma per creare una tensione, prima, e poi per mantenerla. Perché senza questa tensione il pezzo, così come l’installazione nello spazio, non reggerebbe, ed è anche un problema di lunghezza, perché un testo narrativo di lunga durata, che si estende lungo molte pagine (insomma, un romanzo) lavora piuttosto sul tempo, e può sopportare anche qualche imperfezione, qualche segno di debolezza della struttura. Il pezzo breve, siccome lavora sullo spazio, deve essere solido e teso, e proprio per la sua brevità, quando ogni parola viene letta attentamente, nulla sfugge, non sono ammesse debolezze, imprecisioni o mancanze. Il pezzo breve spesso descrive, o meglio ancora evoca, o rievoca, un evento a sua volta assai breve, talvolta attimi, oppure qualche minuto, raramente un’ora o due. E deve perciò essere a sua volta, per quanto possibile, breve, altrimenti esprimerebbe ridondanza, sarebbe inevitabilmente sovraccarico di ornamenti inutili, che allungherebbero soltanto il brodo, togliendogli ogni sapore.
Il pezzo breve ha qualcosa a che fare con l’immobilità, ovvero con un movimento talmente rapido da non poter essere colto, venendo quindi travisato come estrema lentezza o, appunto, immobilità. In questi termini si consuma l’evento, spesso fulmineo, mentre alla descrizione è consentita
una certa minima dilatazione. Come rivedere un’azione di gioco (del calcio ad esempio) al ralenti, fermando anche l’immagine per leggere meglio i movimenti dei protagonisti, le loro intenzioni.


Il testo è tratto da Carlo Fossati, Vita in città, leppi lampi labors, Torino, 2019.

an inquiry into wanting / ghazal mosadeq. 2020

Oggi un nuovo ebook su gammm.org: si tratta di Inchiesta sul mancare, di Ghazal Mosadeq. Il file pdf [88 Kb] è leggibile e scaricabile qui o dalla pagina gammm/ebooks. Traduzione italiana di Andrea Raos.

*

From today, a new ebook at gammm.org: it’s An Inquiry into Wanting, by Ghazal Mosadeq. You can read and download the pdf file [88 Kb] here or @ gammm/ebooks. Italian translation by Andrea Raos.

Il testo esce in parallelo su Nazione indiana:
https://www.nazioneindiana.com/2021/02/11/inchiesta-sul-mancare-alla-maniera-di-neruda/

_

_

seconda visione / luca zanini. 2021

a monkey drinks per spiegare] l’epilogo si può perfezionare anche rendere duttile un vero e proprio processo di riepilogazione si] rovescia cento anni sopravvissuti ai cine parrocchiali gli androni tappezzati rinchiusi nel sottoscala gli occhi] restano gli] occhi nel sottoscala feltro feroce[ foresta

nel senso della luce / corrado costa. 1983

Ci fanno poi vedere
continuamente film
con attori che corrono più veloci
del film.
La velocità del film è costante.
Delle volte continuiamo a vedere
continuamente
film a velocità costante
con attori che sono molto più lenti
del film.
Non si sa
se siamo entrati prima
o dopo.
_

da Vanno a vedere tre film,
in The Complete Films (1983)

una lettura possibile:
slowforward.net/2020/11/17/2letture-alfaville-associazionealfabeta-costa-e-rosselli/

_

da “cinque poesie sull’acqua” / lorenzo basile baldassarre. 2017-19

L’acqua

quale immagine
può riflettere l’acqua
dove si riflette
sta zitta

acqua che scrive
non parla

lascia le immagini
in silenzio

     

La consistenza dell’acqua

la consistenza dell’acqua
è diversa
dalla consistenza dell’acqua
nel senso
che la consistenza dell’acqua
non è determinante

 

Deserto

l’acqua permette il passaggio della luce
e la visione degli oggetti nascosti

sito a una notevole distanza
questa distanza
è la sua estensione
c’è il deserto

non è evidente

gammm: scatola sonora del 5 settembre 2020 (in collaborazione con il teatroinscatola)

il file in programmazione oggi a piazza Sonnino, con audio in loop di (in ordine alfabetico):
Isacco Boldini, Gherardo Bortolotti, Alessandro Broggi e Gianluca Codeghini, Roberto Cavallera, Fiammetta Cirilli, Mario Corticelli, Elisa Davoglio, Niccolò Furri, Marco Giovenale, Mariangela Guatteri, Andrea Inglese, Giulio Marzaioli, Manuel Micaletto, Renata Morresi, Vincenzo Ostuni, Adriano Padua, Andrea Raos, Giorgia Romagnoli, Jennifer Scappettone, Christophe Tarkos (tradotto e) letto da M. Zaffarano, Silvia Tripodi, Michele Zaffarano, Luca Zanini.


 

gammm: scatola sonora del 29 agosto 2020 (in collaborazione con il teatroinscatola)

il file in programmazione oggi a piazza Sonnino, con audio in loop di
Mariangela Guatteri, Manuel Micaletto, Gherardo Bortolotti, Luca Zanini, Eva Macali e Aimèe Portioli, Vincenzo Ostuni, Renata Morresi, Mario Corticelli, Andrea Inglese, Alberto D’Amico, Alessandro Broggi e Gianluca Codeghini, Jennifer Scappettone, Claudio Salvi, Giulia Felderer, Fabio Lapiana, Silvia Tripodi, Isacco Boldini, Christophe Tarkos (letto da M.Zaffarano), Giorgia Romagnoli, Niccolò Furri, Michele Zaffarano

my yourmyspace / rachel defay-liautard. 2007

artaud has 1517 friends
barthes has 1 friends
bataille has 406 friends
baudelaire has 38 friends
beckett has 824 friends
debord has 600 friends
deleuze has 126 friends
foucault has 1058 friends
freud has 5027 friends
heraklitus has 829 friends
joyce has 1767 friends
lautréamont has 1887 friends
nietzsche has 8753 friends
proust has 1756 friends
rimbaud has 605 friends
shakespeare has 7992 friends
socrates has 2630 friends
spinoza has 621 friends
zeno has 742 friends

_

from coupremine:
http://coupremine.blogspot.com/2007/08/rachel-defay-liautard.html

_

da lana di vetro / sebastian big. 2020

Titolo originale  Vata de sticla, Charmides, 2015. Traduzione dal rumeno di Alessandro Cucchi.

Img Sebastian Big

n1

Tigrii și zebrele au dungi,
leoparzii au pete,
curcubeul este plin de culori frumoase,
picăturile de apă cad din cer;
toate acestea fac parte din sistemul universal al naturii
și din sistemul ei numeric.

§

Tigri e zebre hanno le strisce,
i leopardi hanno le macchie,
l’arcobaleno è pieno di colori belli,
gocce d’acqua cadono dal cielo;
tutto ciò fa parte dell’universale sistema naturale
e del suo sistema numerico. Continue reading “da lana di vetro / sebastian big. 2020”