franz kline. 1950

Franz Kline. 1950

[in «Domus» n. 528, novembre 1973]

mottetto. senza strumenti / luca zanini. 2015


Luca Zanini_ Mottetto. senza strumenti by gammm




testo letto in occasione di RicercaBo,
Bologna, ottobre 2015





Oggi un nuovo ebook su gammm.org: si tratta di interferenze. simulazioni. assedi, di Fabio Lapiana. Il file pdf [80 Kb] è scaricabile dalla pagina gammm/ebooks.

*

From today, a new ebook at gammm.org: it’s interferenze. simulazioni. assedi, by Fabio Lapiana. You can download the pdf file [80 Kb] @ gammm/ebooks.

 







candid camera / carlo bordini. 1999

 

L’abitudine alla meditazione
genera uno spirito tranquillo,
ma talvolta si è condotti allo
sconforto
dall’inanità della vita umana.
Solo osservando le vie
che ai nostri destini conducono
e le miti vite dei cani e degli
asini
nel sole di mezzogiorno
si comprende la nostra castità.
Si può avere l’esatta nozione
della bicicletta che cammina,
l’ombra dei raggi sulle strade
fanno pensare a lontane estati,
quando con la vestina trasparente
eravamo trasparenti sul fondo
del mare.
Ho passato una pessima estate –
illuso dall’estate –
in un bungalow troppo caro.

Ora,
vorrei veramente andarmene
verso Ferrara
ho passato una splendida notte
con la donna che non è più mia.
Ho passato la giornata nel parco.
(Oggi è domenica). Preferisci
la Suzuki la Honda
o la Kawasaki? (Le
ho chiesto stanotte, per
scherzo). Il sabato sera.
Non c’erano notti né luci,
era solo un lungo
pomeriggio. Continue reading ‘candid camera / carlo bordini. 1999’

da “quaderni” / michele zaffarano. 2015

 

FINTE

Riguardo il rapporto tra autore e lettore
non è tanto il rapporto con il lettore
nel suo ruolo di
portatore di senso e di significato, non è
tanto la convocazione del lettore a essere
necessaria, a rivelarsi necessaria.
In realtà è come una finta
è come una finta per esempio nella boxe
la finta è una fin-
zione, come quando si simula
una azione per ingannare l’avversario,
per distogliere l’
avversario dal punto in cui lo si vuole effettiva-
mente attaccare.
Cioè
invito il lettore a partecipare e
poi sparisco svanisco mi sposto
il lettore perde l’equilibrio
l’equilibrio viene perso
è la perdita dell’equilibrio che
rappresenta la dinamica della
comunicazione, la scrittura è un invito a
perdere l’equilibrio e una testimonianza
dell’assenza dovuta allo spostamento.

 

INTIMITÀ

Quello che viene indicato con il termine di nuovo paradigma
in realtà va visto come intensificazione e non
smarcamento (assoluto)
Può essere utile riformulare il tipo di contratto
comunicativo della poesia (contemporanea)
(come è / come dovrebbe essere)
partendo dal concetto di intimo
formulato da François Jullien in De l’intime, 2013.
Non è più un rapporto d’amore (di sopraffazione ecc.)
ma di condivisione.
Quindi non è il lettore che si fa interprete
al posto dell’autore, ma sono entrambi che
partecipano, e lo spazio è tanto più proficuo
e produttivo quanto più la loro collaborazione
si fa stretta e intima
Lo spazio è spazio condiviso, terreno comune, aperto in
entrambe le direzioni, mercato comune.
È diverso dall’amore.

Continue reading ‘da “quaderni” / michele zaffarano. 2015’

da “biancaneve” / donald barthelme. 1965

[Titolo originale Snow White © 1965, 1967, Donald Barthelme.]

ESSA è un’alta e tenebrosa beltà contraddistinta da numerosissimi grains de beauté: uno sopra il seno, uno sopra il ventre, uno sopra il ginocchio, uno sopra la caviglia, uno sopra la natica, uno sulla parte posteriore del collo. Sono tutti sul lato sinistro, più o meno in fila, dall’alto in basso o dal basso in alto:

o
o
o
o
o
o

Capelli neri come ebano, pelle bianca come neve.

§

Bill ha in uggia Biancaneve adesso. Ma non può dirglielo. Occorre trovare un modo più acconcio. Bill non sopporta di essere toccato. Anche questa è nuova. Il fatto che qualcuno lo tocchi gli è intollerabile. E non soltanto Biancaneve ma anche Kevin, Edward, Hubert, Henry, Clem e Dan. Si tratta di un particolarissimo aspetto di Bill, il leader. La nostra supposizione è che egli non desideri più essere coinvolto in situazioni umane. Una chiusura in se stesso. Chiudersi in se stessi è uno dei quattro modi di competere con l’ansia. La nostra supposizione è che la sua riluttanza a essere toccato abbia origine da ciò. La teoria dell’ansia non è condivisa da Dan. Dan non crede nell’ansia. La supposizione di Dan è che la riluttanza di Bill a essere toccato sia una manifestazione fisica di una condizione metafisica diversa dall’ansietà. Ma è l’unico a fare tale supposizione. Noialtri appoggiamo l’ansietà. Bill ci ha fatto capire per vie sottili che non desidera essere toccato. Se cade per terra, non bisogna aiutarlo a rialzarsi. Se uno tende la mano per salutarlo, Bill sorride. Quando è l’ora di lavare gli edifici, Bill prende da solo il suo secchio. Attenzione a non porgergli il secchio, in tale circostanza potrebbe accadere che le vostre mani si tocchino. Bill ha in uggia Biancaneve. Essa deve aver notato che egli non si reca più nella doccia. Siamo sicuri che l’ha notato. Ma Bill non le ha detto chiaro e tondo che l’ha in uggia. La nostra supposizione è che egli non abbia avuto il cuore di profferire parole così crudeli. Parole così crudeli rimangono chiuse nella sua carenza di cuore. Biancaneve deve interpretare la sua assenza dalla doccia in questi giorni come un aspetto del fatto che egli non gradisce essere toccato. Siamo sicuri che non dà altre interpretazioni. Ma a che cosa attribuisce il “non gradire” in sé? Non lo sappiamo.

§ Continue reading ‘da “biancaneve” / donald barthelme. 1965’



.it




.en



Benway Series, 2016


a che cosa serve la lince? / denis roche. 1980

mio padre leggeva nembo kid / alberto d’amico. 2015


img
 
 
 
 

Mio padre leggeva Nembo Kid/ e anch’io lo leggeva/ ma solo perché lo leggeva lui/ nel 1966 mio padre ha 40 anni/ nel 1966 Nembo Kid cambia il suo nome/ nel 1966 nasce mio fratello/ Mio padre odia Superman/ ha ucciso Nembo Kid secondo lui/ e la S sul petto è illeggibile, m’intorbida la mente/ Nembo Kid diventa Superman/ salto ontologico,/ Mio padre si assoggetta ai diktat di mia madre/ Niente più fumetti/ Roba da ragazzini/ Ma neanch’io che sono un ragazzino posso leggerli/ Comportamento illogico/ Un supereroe in bianco e nero/ su carta con meno cotone/ sostituisce Nembo Kid, che ripuliva la città/ Saranno ancora valide le garanzie morali?

*

 

Il tessuto è realizzato da Massimo Poli per Sartoria Teatrale Fiorentina
– foto Sara De Nardis.
Testo e tessuto sono stati esposti @
UnaVetrina, 14-21 lug 2015
(http://www.unavetrina.it/calendario-2015/)

 

da “saturazioni” / simona menicocci. 2012

 


vide / o: solo fitte come 
                           copri / vano
vivi / di / spersi / scarti
un seme                    stira l’altro 
non de / in:cide / cifra / corpo / tonda 
lo stare pari 
              / piedi
a:corpi vani


*



i no / di / chi / c / osa al plurale 
                                    (s-rum-bus)
sostitutivo o: fermata sotto 
la mano / n / doppia     il
bene:a / o:meno / mato
                         chi=qui lo cosa=là
stare sopra o in calo
tasso
che non dorme 
                / s:in:cartona


* Continue reading 'da “saturazioni” / simona menicocci. 2012'

da “elsamatta” / alessandra carnaroli. 2015



quarant’anni fa a mia zia rosella
gli ha tirato un sasso o una pietra non ricordo
gli ha rotto il labbro la guancia il vestito bello
lei ancora c’ha il segno
l’elsa matta a lei non gli è rimasto niente
c’ha la memoria corta la gonna
che è corta strana nocome una che lo fa per
bellezza ma proprio
cosí
è un dettaglio dei matti
se ti squadra
se gli viene il nervoso hai fatto
meglio che fuggi

*


povera elsa l’hanno portata in una casa
per curarla
aveva superato il limite
ma però se ci parlavi era buona era dolce
che fine ha fatto
gli volevamo tutti bene
a due persone piace
questo elemento

*


da giovane
anche io in moto con mio moroso
mio attuale marito
qualche agguato gliel’ho fatto cose di ragazzi
ma ora è da un po’ rinchiusa a bologna
e sinceramente mi dispiace mi fa tristezza
pensare che uno finisce nell’indifferenza
magari il comune può farci qualcosa
gli assistenti sociali
la tira fuori gli mette una badante
con la madre almeno sta in famiglia
qualche volta esce si distrae tra la gente i negozi

*


vi consiglio di conoscere rita la matta di san lazzaro.
una signora concorrente dell’elsa.
simpatica, canta sempre, urla,
ti dice quale giorno è il tuo onomastico.
sa tutti i santi a memoria
i matti qualche volta c’hanno delle capacità
superiori alla media
della popolazione che rimane

*


la settimana scorsa era sotto casa sua tirava i sassi
ai bambini che gli suonavano il campanello
è tutto tranne che libera
pensa se gli prendeva in un occhio
lo accecava lo mandava al pronto soccorso
anche i genitori però devono vigilare
devono guardare cosa fanno i figli
uno mica può andare a dare fastidio alla gente
anche se è matta e ti fa ridere
per come reagisce
sono comunque esseri umani
con gli stessi nostri diritti di stare in pace
no di combattere coi figli degli altri



(IkonaLíber, collana Syn, 2015:
http://www.ikona.net/alessandra-carnaroli-elsamatta/)


due opere / roberto sanesi. 1973

 

Sanesi, Roberto_ Dichiarazione di poetica (1973)

Dichiarazione di poetica

*

Sanesi, Roberto_ Principio (1973)

Principio

 

due testi / eva macali. 2015


Battaglie
Yabba

Questa pastasciutta con burro di arachidi e hotdog è davvero fresca e gustosa
cazzo devo vederti dal vivo, mio dio amo questo sentiero
suona un po' come il miscuglio dello scemo del villaggio
Yaba vuol dire metallo in tailandese.

È una buona
per qualche motivo mi è venuta fame
semplicemente grazie. Ben arrangiato
prossimo passo.

Devastante per la mente
eccoci ancora e ancora
bentornata
mi fai venire voglia di un panino
come faccio a togliere questa cosa dalla ripetizione?
Quando penso a questo, penso a questo.

-una conversazione così fine-
fresca
queste sono le battaglie che amo
bel suono
c'è qualche influenza di Steve Reich qui.

Canzone straordinaria e grande lavoro
la migliore parte è ora
tutti amano Yabba.

Arriva la tempesta
amo le novità.

Malato
se non ti viene da sbattere la testa a questo punto
straordinario
quell'effetto

eccellente

per dio sì.

Stile 4:29 Nisennenmondai
❤

Musica di qualità
geniale
lascio un commento
asfaltato
amo il cibo e amo voi ragazzi così tanto
la amo
sì
cazzo questo è tutto per me
pazzesco
l'ho amata totalmente, un gran lavoro
amore senza indugio.

L'arte del cibo.

_____________________________________________________________________________


Davide Inchinarello
Ragazzi che oscillano



⊂_ヽ   
   \\ _    
     \( •_•) F     
         < ⌒ヽ A    
        /   へ\ B    
       /  /  \\ U

sempre copiata, mai eguagliata
la bruna è così attraente
ma chi è la donna anziana?
Amo quest'uomo.
Donna.
Ehm, extraterrestre.
しかしデヴィッド・ボウイ氏の変幻自在ぶりには、他のロックスターには絶対に追いつけない凄まじさがある。
I fianchi migliori possono ballarti nel cervello e friggerlo
quando sei un ragazzo
i ragazzi ci fanno oscillare
anni prima che i ragazzi nell'atrio rendessero ancora più figo, se possibile, travestirsi
togliete la pubblicità
non riesco a smettere di muovermi, e tu? 
Sesso sulle gambe.


misteriosa 6 & 7 / éric suchère. 2012

Éric Suchère
MISTERIOSA 6 & 7

 

06.

Sala e sarcofagi allineati: le figure sulla linea osservano le mummie con le etichette dei nomi – si tratta di una sorpresa e di una scoperta macabra.

Sala e sarcofagi allineati: le figure sulla linea sobbalzano per la sorpresa, alla lettura dei nomi schizzano gocce di sudore – si tratta di uno choc improvviso.

Sala e sarcofagi allineati: le figure camminano, cercano un’uscita – si tratta di volontarismo.

Angolo di sala, statua e scala: le figure camminano e osservano un ombrello appeso al braccio della statua – si tratta di un’altra scoperta e di un vero e proprio interrogarsi.

Lungo il muro e statua: le figure camminano sulla linea e osservano un polsino e una giacca appesi alle braccia della statua – si tratta di un’altra scoperta e di volontarismo.

Sala ed entrata gigantesca con grandi doppie porte e affreschi: le figure camminano ancora – si tratta di un quadro imponente.

Sala ed entrata gigantesca con grandi doppie porte e affreschi: le porte si richiudono, piccole schegge, curve di spostamento, nuvolette soffiate via – si tratta di un’azione improvvisa.

Stanza con lungo muro dipinto: le figure sono in attesa – si tratta di una constatazione.

Stanza con lungo muro dipinto: le figure cercano un interstizio – si tratta di una constatazione.

Stanza con lungo muro dipinto: le figure scoprono qualcosa – si tratta di domande.

Angolo di stanza e casse ammucchiate: la figura apre una cassa, scopre cosa c’è – si tratta di vero stupore.

Angolo di stanza e casse ammucchiate: la figura apre una scatola, scopre cosa c’è – si tratta di altro stupore.

 

Continue reading ‘misteriosa 6 & 7 / éric suchère. 2012’



A

com’è noto

l’A di acqua è

incolore, insapore, inodore

l’A di labbra

è rossetto

rosa

&

verde

l’A di acqua

cammina sulle acque

lascia una invisibile traccia

l’A di labbra non lascia

una visibile traccia

quando si mordono le labbra

U

sta sull’A di acqua

U cammina sull’A che cammina sulle acque

l’U di acqua è invisibile

anche A di invisibile è

invisibile

l’U di illeggibile è Continue reading ‘baruchello! facciamo, una buona volta, il catalogo delle vocali / corrado costa. 1978’






Categories






























































tutti i testi pubblicati in
(e ospitati da) GAMMM
sono sotto una Licenza
Creative Commons
= all texts (CC) by
m.giovenale, m.guatteri,
a.raos, m.zaffarano & hosts.
/ if not specified,
all photos are (CC) by m.giovenale /


gammm is a non-profit site.
to support us you can donate
anything you want: paper,
used computers, money, manors.
feel free to make us rich,
and tell us how: email us:
gammm_redazione [at] yahoo [dot] it

! thank you !




gostopGIF_R