3 POEMS / Jennifer Scappettone. 2004-2006

 

Derrida Is Dead 2.009

Gestation—Monstrosity—Blessed Event, a bulbous token of Saxon
craftsmanship that was a peripheral girlhood fame: precocious capacity
to recite all the Goebel catalog names. Minor cut from there into antiquarian
exile, the kind that makes you beat with the locals about the acanthus until your evening
spaghettum is theirs. Later I sat at the edge of another stairwell under Kent, extracting dowels
that passed for bones thrown down to you, recurrent chessmaster. Nightmare matology’s
morning now. World was in defaced. That was a line from Rilke before the Thurn und Taxis
got to him, us. Dee Dee of Foxboro, you were my only love, once, before I knew only—what it
was—
& Merr Angelina sold the landless shack to the son for a buck to taxi.
The non-sight of a pottery roof would import some dawn feeling, the sort impressing that village
hasn’t yet been mistressed to administered air. That is, the lacunas haven’t yet been curred
of their abashing stains on Stein’s mattress. Or moss activating in the kept address of
bedarling’s gams already always. Guy fainted after Paul and Frances queasy revolsed
hemselves; he must have been downing those empathies before the fax, or at
blathering cure would have trained those rimes out of
abluvion. That was a line divided and Burgundy cast out over the fosse.

:::

da s

I was pre-Pandoran once, clear & amok, scarlet free where scarcely
orange or purple romed: all
font, Greek, drunk, then, then Tyred, vinegar aspect for breakfast. How I seam
now in video
footage of national folding where only arson lives lives. Its source is valid because Google
calls it 100% relevant and government, which is apt since it’s an historical event. I reseek and
pall this chunk’s vocation. Viatical my neighbor asks if I’d ride in the trunk, no kid; my
hatchback is mined in the parking lot for its sparkplugs beyond the bar. She masking
he then is captured by the faith-based; once she creams, he stops calling it
vocation. Down here, they have imported the clouds from Japan, and I hear them, sardine.
Keez me, gaghrl, yer old wahn. Geta-crushing Shoji of the air will remember cat-noise
and -fish for complements as the King of Terror will never have force
the possible Fed you you you’re not—not. Postal will be yours and you, predellal, contemporary
urinals on vehicles, art naught but an empty he-port. Grey they err over joy, toupeeing
as picture meant to do. I stream, hand mover, reek, occupy ice and call that night. Of all
indecipherably
you finally type to say you hosted Uncle Chen in your backyard exclusive. Wake,
it’s time to smell the smoke. Darling I

incensed. Once could have been your she-port; pretty noun
look ahead to repast and yr Gruyerer aspect. Hype alone remains inside the box.

:::

The Republic of Exit 43

Scene. A screen, a cloverleaf sea, period, speed; twilight of uncertainty.

There there. The keening after, Hop founds herself upon the gauge, members upon the counters, trawling for anonymity, choosing her own ineffable

Among choses obtainable: thinsposal, threading, chickenwiring laurels back from enraunchments alter than fragrant, friking it back.

The hypnotist asks what she wants; she answers a Bible and a sit-n-spin, & Safarily wends 1’s way, redoubting, latter-day, whirld—

Mouth of Avon, minister of real curves, tsking for it—for Dove, plummeting votive SMSs to Mon St Chris—HELLO PLEASE ACROST—

apence too to grandpop electric agog—rèfused; to Hotel Chapel Coconuts off the Tokaido— exit pleased.

All aho. Upskirted minds want to know so, show Gabriel or was it Michael’s tapestrying trumpets from garded arch.

Accostly, crooked angelo’s expelling this eve from a Met, spoils. Ekphrasis will treasure their travolted plumming in surrogate bliss: domestication, securitization, contour-

Incensing but tootsome. What’s teats got to do with that?

In our pop-Piedmont pastoral, servers of blanc Christmases butter not your boss, but Bing. They scream 4 Connect. Please to assist us with ziplocking your horse parts. Fac fac fac.

Aligh aligh aligh. The door’s secured with a rope and pliers. Sank you.

Peripheral mind, ex atavistic, rocks & fahcks on like the radio ethical. Prolific, talks to Lucy. Do spill! In our brook interval. In our Bubbled other, Flute

Is. In our Prision, Polos. In air—our jar-jar is lost to Kennebunkport. How sad-

Ism. A polisless wash waxes and wanes, corporate organ. sHown. He don’t give a goddamn. He’m the Commander-in-Chief. Did it wHee’ze way. Remain alert, folk, and make a safe hay.

Hemlocking code skirts & awls the fields for amber rings of 0z. “Todo—”

“The stars are not in her counting; to her they are but wandering holes.”[1] Hard-boiled, consistency of Starsky archaic, they roll Lets on a white housed lawn. Consistent, the new constellations. Ellipsis is not the new tautology. The absence of evidence is not

the evidence of absence. Weighs. And what similar use or power of acquisition has justice in time of peace? In contracts, Socrates.

Domain for Sale: Associated Offers: Iraq, sperm count, Iraq war, card counting, investigate, ancient Egypt, investigation, federal census, Maroc, foreign language, Lebanon, Oman, Islamic, Philippines. Closing soon: paid-survey, geocentrism.com. Showcase domains: beachfrontproperty, iSkate, venusflytrap.com. Bada.

62 thousand, 145 soon. One forgets. The transmigratory, the transposed subject soon. About two decades to clean it up soon. Forget about “levitat[ing] the Pentagon.” About ports aplug with rubber bullets, bruise baseballs in coed chests.

The soul was the new consumption. It spoke of bangers blown instead of toad-in-the-hole from Oxbridge to Verona, poor & portionless, radical Rockefelled crops slouching towards hexpiration. Willies find deterritorialization out. Soon the terminated passages replaced: Let thems, ringing.

Llo? By the tendering record. Soon with apothecary fill.

Oh to cradle nok nok in vermere envelopes prioritized of air.

Idunno ma but every port I open (50693) stinks like the oikosed, costly.

:::

:::

Derrida è morto 2.009 (trad. di Marco Giovenale e Jennifer Scappettone)

Gestazione – Mostruosità – Evento Benedetto, un ricordo bulboso di artigianato sassone
che fu una fama di fanciullezza periferica: capacità precoce
di recitare tutti i nomi del catalogo di Goebel. Taglio minore da lì fin dentro un esilio
antiquario, del tipo che ti fa menare con i locali l’acanto per l’aia finché loro non si appropriano del tuo
spaghettum serale. Più tardi sedevo sul bordo di un altro pozzo di scale sotto Kent, estraendo caviglie
che parevano ossi che ti erano tirati addosso, ricorrente maestro di scacchi. Ora arriva il
mattino dell’
oniromatologia. Il mondo fu nel dìsfigurato. Quello fu un verso da Rilke prima che i Thurm und Taxis
lo raggiungessero, ci raggiungessero. Dee Dee di Foxboro, fosti tu il mio solo amore, una volta, prima che
sapessi solo—cosa era –
& Merr Angelina vendette la baracca senza terra al figlio per un dollaro di taxi.
Il non-site di un tetto di terracotta avrebbe importato qualche sentore di alba, del tipo che impressiona
che quel villaggio
non è ancora stato mantenuto dall’aria amministrata. Cioè: le lacune non sono ancora state imbastardite
delle loro macchie sconcertate sul materasso della Stein. O muschio attivante sull’indirizzo mantenuto
delle gambe beneamate già e sempre. Guy svenne dopo Paul e Frances qui si rivolsero
sul proprio orlo; avrebbe dovuto tracannare quelle empatie prima del fax, o al
cianciare la cura avrebbe dovuto trainare quelle rime fuori dall’
abluvione. Quella fu un una riga divisa e Borgogna buttato là oltre il fossato.

:::

da s (trad. di Marco Giovenale e Jennifer Scappettone)

Una volta ero pre-Pandoriana, chiara e disfrenata, liberamente scarlatta dove a malapena Romàvano
arancione o porpora: tutta
font, greca, ubriaca allora, da allora Tyrata, con un’aria di aceto per colazione. Come suturo ora nel video
di un piegarsi nazionale, dove solo l’incendio vive delle vite. La fonte è valida perché Google
la dichiara rilevante al 100% e altrettanto governo, che è adatto in quanto è un evento storico. Cerco ancora e
metto il lutto su questa vocazione di ciocco. Come viatico il vicino mi chiede se viaggerei in baule, no
ragazzo; il
portellone posteriore mi è minato nel parcheggio per le sue candele andate fuori asse. Lei
mascherando
lui allora è catturata dai faith-based; una volta che spumeggia, lui la smette di chiamarla
vocazione. Quaggiù, hanno importato le nuvole dal Giappone, e le sento, sardine.
Bàsciami, gaghrl, tu vvecchio visopallido. Shoji dell’aria, geta-schiacciante, ricorderà un rumore e pescare
di gatto per complementi come il Re del Terrore che non avrà mai forza
il possibile federale tu tu tu non sei no. Postale saranno i tuoi e tu, predellari, orinatoi
contemporanei su veicoli, niente arte se non una port maschile vuota. Grigi, errano per la gioia, imparrucchinando
lospazio
come l’immagine voleva. Io fluisco, motore di mani, fetore, occupo il ghiaccio e chiamo quello notte. Del tutto
indecifrabilmente
tu batti finalmente sulla tastiera per dire che hai ospitato lo Zio Chen nel retro del tuo cortile esclusivo. Sveglia,
è ora di annusare il fumo. Caro, io

ho incensato. Una volta potei essere la tua port femminile; nome grazioso
guardo avanti al ripasto e il tuo aspetto sempre di più da Gruyere. Solo uno slancio dis
paranza rimane nella scatola.

:::

La repubblica dell’uscita 43 (trad. di Gherardo Bortolotti, Alessia Folcio e Jennifer Scappettone)

Scena. Uno schermo, un mare di trifoglio, periodo, velocità; crepuscolo dell’incertezza.

Su su. Il dopo lamentoso, Hop si basa sul calibro, i membri sui misuratori, raspando nell’anonimato, scegliendo il proprio ineffabile

Tra le choses ottenibili: snellizione, filettatura, ingabbiamento di allori di ritorno da inscopamenti altro che fragranti, chiavandolo indietro.

L’ipnotizzatrice chiede cosa vuole; lei risponde una Bibbia e una trottola, & Safariamente si dirige nella direzione di 1, ridubitando, degli ultimigiorni, turbinata—

Bocca di Avon, ministro di vere curve, tsktskandolo –– per Dove, precipitando a piombo SMS votivi verso Mon St Chris—Ciao prego intraversar—

‘nu ducato pure al grandpop elettrico eccitato—rìfiutato; all’Hotel Cappella Nocidicocco lungo la Tokaido—uscita lieta.

Olala. Le menti con la gonna alzata vogliono saperlo, fanno vedere Gabriele o Michele era che faceva arazzi delle trombe dall’arco giardato.

Accostamente, l’angelo storto sta espellendo quest’eva da un Met, spoglie. L’ecfrasi farà tesoro del loro sondare travolto in piacere surrogato: addomesticamento, securitizzazione, contorno-

Incensante ma da azzanno. Cos’hanno a che fare le zinne con questo?

Nella nostra pastorale da Piemonte pop, i server di Natali blanc non leccano il tuo capo, ma Bing. Urlano x Connettersi. Prego assisterci nella chiusura lampo delle tue parti da cavallo. Fac fac fac.

Infiahimè infiahimè infiahimè. La porta è bloccata con una fune e delle pinze. Sprofonde grazie.

Mente periferica, ex atavica, fa a cazzi e scazzi su tipo la radio etica. Prolifico, parla a Lucia. Versa dai! Nel nostro intervallo del ruscello. Nel nostro Gorgogliato altro, Flauto

È. Nella nostra Prision, i Polo. In aria—il nostro jar-jar si è perso a Kennebunkport. Che sad

Ismo. Un lavaggio senza polis cresce e cala, organo aziendale. mOstrato. Non gliene frega niente.

Lui sono il Comandante in Capo. Faceva ansiSuomoda’re. Rimani allerta, popolo, e goditi il tuo grano al sicuro.

Il codicicuta in punta di gonna sprangata bordeggia e puntella i campi per gli anelli di ambra di Oz. “Todo—”

“Non tiene in conto le stelle; per lei sono solo buchi vaganti”[1]. Cotto duro, coerenza di Starsky arcaico, rotolano Lets su una stradina di case bianche. Coerenti, le nuove costellazioni. L’ellissi non è la nuova tautologia. L’assenza di prove non è

la prova dell’assenza. Pesa. E quale uso simile o potere di acquisizione ha la giustizia in tempo di pace. Nei contratti, Socrate.

Dominio in vendita: Offerta degli associati: Iraq, conteggio dello sperma, guerra in Iraq, conteggio delle carte, investigare, antico Egitto, investigazione, censo federale, Marocco, lingua straniera, Libano, Oman, islamico, Filippine. Stanno per chiudere: inchiesta pagata, geocentrismo.com. Dominii in vetrina: proprietàdellungomare, iSkate, trappolapermoschedivenere.com. Bada.

62 mila e 145 a breve. Ci si dimentica. Presto il soggetto trasmigatorio, trasposto. Circa due decenni per mettere in ordine presto. Dimenticati del “levita[ndo] il Pentagono”. Dei porti tappati con proiettili di gomma, palle da baseball lanciate che ammaccano il petto dei liceali.

L’anima era la nuova consunzione. Parlava di bangers esplosi invece che dei rospi nel buco da Oxbridge a Verona, povero e senza un boccone, raccolti radicali Rockfellizzati che si trascinano verso l’ultimo esaspiro. I brividi scoprono la deterritorializzazione. Presto rimpiazzati i passaggi terminati: lascia che…, suonando.

Llo? Dal documento che si sbiadisce. Presto con il pieno farmacologico.

Oh cullare nok nok in buste di Vermere priorizzate di aria.

‘Nzò ma’ ma ogni porta che apro (50693) puzza di oikosizzato, costoso.

 


[1] Ezra Pound, Canto 47.

 











































tutti i testi pubblicati in
(e ospitati da) GAMMM
sono sotto una Licenza
Creative Commons
= all texts (CC) by
m.giovenale, m.guatteri,
a.raos, m.zaffarano & hosts.
/ if not specified,
all photos are (CC) by m.giovenale /


gammm is a non-profit site.
to support us you can donate
anything you want: paper,
used computers, money, manors.
feel free to make us rich,
and tell us how: email us:
gammm_redazione [at] yahoo [dot] it

! thank you !




gostopGIF_R