Si ha l’impressione che ogni volta che lei ha assunto una posizione, immediatamente ha voluto distanziarsene con l’ironia e il sarcasmo.

Sì, sempre. In fondo non ci credevo.

Ma a cosa credeva?

A niente! Anche la parola “credo” per me è assurda. Come la parola “giudizio”. Sono parole spaventose, su cui il mondo è fondato.

Ma almeno crede in se stesso?

No.

Non crede neppure a questo?

Non credo nella parola “essere”. Il concetto di “essere” è un’invenzione umana.

[ Marcel Duchamp, Ingegnere del tempo perduto. Conversazione con Pierre Cabanne.
Trad.it. di Angelica Tizzo. Abscondita, Milano 2009, p. 99 ]











































tutti i testi pubblicati in
(e ospitati da) GAMMM
sono sotto una Licenza
Creative Commons
= all texts (CC) by
m.giovenale, m.guatteri,
a.raos, m.zaffarano & hosts.
/ if not specified,
all photos are (CC) by m.giovenale /


gammm is a non-profit site.
to support us you can donate
anything you want: paper,
used computers, money, manors.
feel free to make us rich,
and tell us how: email us:
gammm_redazione [at] yahoo [dot] it

! thank you !




gostopGIF_R