angolo di imbardata iv / ben lerner. 2006

 

Ben Lerner
ANGOLO DI IMBARDATA (IV)
Da: Angolo di imbardata IV, Arcipelago, coll. «ChapBook», 2015.
Traduzione di Damiano Abeni.

 

 

Un’immagine della definitività in un’era di luce polarizzata. Vuoi sposarmi, scrive lo zio con la scia di un aereo. Una pillola per incutere soggezione che ha come effetto collaterale il travaglio del parto. Un inclinarsi di lato verso l’interno e l’aeroplano si spinge oltre i propri limiti. Un’innovazione modesta nei meccanismi di virata rende obsoleto un ramo della letteratura. I limiti restituiscono la spinta. Il modo in cui la scia si trasforma in ghiaccio, poi vapore, poi carta, unendo i nostri analoghi per errore, la più elevata forma d’intimità. I reattori vengono progettati per sublimare uccelli fuori rotta. Il no appare nel granturco.

 

*

 

Il terzo comparto dello stomaco di un ruminante viene denominato anche libro perché quando lo si apre con una lama le sue pliche si schiudono come i fogli di un libro. Quando viene sezionato trasversalmente, il frutto ha forma stellata ed è perciò denominato frutto a stella. Spesso i nostri simili derivano il nome di un oggetto dal modo in cui lo distruggono.

 

*

 

La platea esige un’immagine di sé stessa. La rivelazione di un tropo rivelatore. Le prove sono contro di noi, irritanti. Il calore proveniente dal margine destro riduce la frase. Neve leggera, secca, esplosiva. Il pianista viene ricordato per l’influente canto a bocca chiusa sopra quella che viene considerata una cattiva interpretazione. Di una radicale disabilità emotiva. Di un’opaca e umida permutazione. A che punto hai scalciato via la scaletta? Al capitolo quattro, dove il lettore viene incoraggiato a guardare dall’alto. Dove l’autore, posandosi a domanda, spalanca la botola.

 

*

 

Credo ci sia una domanda là dal fondo. Sì, grazie. Lei ha l’arcata dentaria superiore di Hitler? Se in effetti lei ha l’arcata dentaria superiore di Hitler, e pare proprio di sì, sarebbe capace di resistere alla tentazione di provarsela? Se lei proprio ora si è messa l’arcata dentaria superiore di Hitler, e pare proprio di sì, come influenza, questo fatto, la validità della sua risposta? Che ne dice di mettere per iscritto la sua risposta? Se lei dice di amarmi mentre porta l’arcata dentaria superiore di Hitler, dovrei crederle? È sbagliato lasciarsi baciare da una persona che porta l’arcata dentaria superiore di Hitler? E se la persona che porta quei denti è ebrea, o addirittura un rabbino? Possiamo mettere un cartellino con il prezzo sull’arcata dentaria superiore di Hitler? L’arcata dentaria superiore di tutti i tedeschi può essere ragionevolmente considerata simile all’arcata dentaria superiore di Hitler? Per i bambini tedeschi, sarebbe o no una cosa buona l’essere obbligati a provare l’arcata dentaria superiore di Hitler? E se fosse una cosa buona, e penso che possiamo essere tutti d’accordo che è così, lo sarebbe perché imparerebbero che questi denti sono per certi versi eccezionali, forse addirittura soprannaturali, o perché così si renderebbero conto che i denti dell’arcata superiore di Hitler sono fatti di un nucleo di polpa molle circondato da un duro strato di dentina rivestito di smalto — proprio come tutti quanti gli altri denti? L’arcata dentaria superiore di Hitler potrà mai essere perdonata? E, se sì, tutta insieme?

 

* * *

 

Ben Lerner
ANGLE OF YAW (IV)
2006

 

 

An image of ultimacy in an age of polarized light. Will you marry me, skywrites the uncle. A pill to induce awe with a side effect of labor. A lateral inward tilting and the aircraft pushes its envelope. A minor innovation in steering outdates a branch of literature. Envelopes push back. The way a wake turns to ice, then vapor, then paper, uniting our analogues in error, intimacy’s highest form. Jet engines are designed to sublimate stray birds. No appears in the corn.

 

*

 

The third division of a ruminant’ s stomach is called a psalterium because, when slit open, its folds fall apart like the leaves of a book. The fruit is star-shaped when cut in cross section and is therefore called star fruit. Our people often name an object after the manner in which we destroy it.

 

*

 

The viewing public demands an image of itself. The revelation of a telltale trope. The evidence is against us, rubbing. Heat from the right margin reduces the sentence. Light, dry, explosive snow. The pianist is remembered for his influential humming over what is considered a poor rendition. Of radical emotional incapacitation. Of opaque, damp permutation. At what point did you kick away the ladder? In chapter four, where the reader is encouraged to look down from above. Where the author, posing as a question, opens up the floor.

 

*

 

I believe there is a question in the back. Yes, thank you. Do you own Hitler’s upper teeth? If you do own Hitler’s upper teeth, and it seems that you do, would you be able to resist the temptation to try them on? If you’re wearing Hitler’s upper teeth right now, and it seems that you are, how does that effect the validity of your answer? What if you write your answer? If you tell me you love me while wearing Hitler’s upper teeth, should I believe you? Is it wrong to be kissed by a person wearing Hitler’s upper teeth? What if the person wearing the teeth is Jewish, a rabbi even? Can we put a dollar figure on the upper teeth of Hitler? Are the upper teeth of every German in some important sense the upper teeth of Hitler? Would it be a good or bad thing for German children to be forced to try on the upper teeth of Hitler? And if it would be a good thing, and I think we can all agree that it would, is that because they would learn that these teeth are somehow exceptional, maybe even supernatural, or because they would realize that Hitler’s upper teeth are composed of a soft pulp core surrounded by a layer of hard dentin coated with enamel—just plain old teeth? Can Hitler’s upper teeth ever be forgiven? And, if so, all at once?

 

 











































tutti i testi pubblicati in
(e ospitati da) GAMMM
sono sotto una Licenza
Creative Commons
= all texts (CC) by
m.giovenale, m.guatteri,
a.raos, m.zaffarano & hosts.
/ if not specified,
all photos are (CC) by m.giovenale /


gammm is a non-profit site.
to support us you can donate
anything you want: paper,
used computers, money, manors.
feel free to make us rich,
and tell us how: email us:
gammm_redazione [at] yahoo [dot] it

! thank you !




gostopGIF_R