plasma / barrett watten. 1979

Plasma / Barrett Watten. 1979

A paradox is eaten by the space around it.

I’ll repeat what I said.

To make a city into a season is to wear sunglasses inside a volcano.

He never forgets his dreams.

The effect of the lack of effect.

The hand tells the eye what to see.

I repress other useless attachments. Chances of survival are one out of ten.

I see a tortoise drag a severed head to the radiator.

They lost their sense of proportion. Nothing is the right size.

He walks in the doors and sits down.

The road turns into a beautiful country drive. The voice isn’t saying something, but turning into things.

Irregular movements spread out the matter at hand.

My work then is done.

His earliest dreams were prerecorded. Pointing a finger at a child in the act of play.

Light grows from the corners of the state map.

The universe is shaped like a hat. I lose interest and fall off the bed.

Tips of the fingers direct the uncontrollable surface.

The dim-witted inhabitants fuse with the open areas. All rainbows end in the street.

Subtitles falling in show water rolling underneath.

The question would lead to disaster.

A person is set in motion by a group of words.

Running water and filthy glass lose the ability to reflect. Blindness is always surrounded by a variable.

They blew the whole thing up and were presented with a fragment. An obvious mistake.

The tennis courts are of different pastel colors.

Civil servants guard the unclaimed packages.

Horses coming out of the sea keep the eye jumping. Background lightning is for this reason always varied.

The sun sets through all weather.

Otherwise the damage already shows.

The telephone rests on the range of inattention. The telephone book is complete.

Grey alphabets light everything else in grey. Black designs make a simple logical twist.

Power of taxation is supported by a well-paid armed force.

He never arrives in his work, because he is already there.

The flag bends on its hinges. A woman walks through the window glass. A rock argues with the door.

The voice spreads out, fighting with circles. The object in descriptive writing is to disappear.

The roadbed tilts upward, devouring detail.

We eat the most agreeable mountain, the words themselves.

To suddenly turn on the crowd would be suicide. The map retains its sanity, almost past the use of anything.

My ideas will change in time. Now that you know what the words mean, you can leave.

I must force myself to breathe. We must be prepared to abolish this way of life.

There’s no traffic. The traffic has stopped.

Dreams are an accident of birth.

I was normal. The music suggested the leg of a chair.

The grey scale makes painting vertical. Evidently we are dead.

The burden of classes is the twentieth-century career. He can be incredibly cruel. Events are advancing at a terrifying rate.

He thought they were a family unit. There were seven men and four women, and thirteen children in the house. Which voice was he going to record?

That’s why we talk language. Back in Sofala I’m writing this down wallowing in a soft leather armchair. A dead dog lies in the gutter, his feet in the air.

For the artist the moment of seeing can also be one of revelation.

When you’re perfect, people can’t wait to pick you apart.

You and I are always going in opposite directions.

I remember the eerie devastation of an explosion that never happened. The embarrassed percipient is changed into a field.

It fades and has an edge. My public works extend over years and cost me much thought and anxiety. Inside my mother I make a fist, and then I figure it out.

Thereupon he sailed for home. The rock is the ideal in the world of objects. The mind must merge with the universe, or succumb to it.

Anything specific he says is by way of an example. Two hours later he comes back to his point.

A zigzag line is notably the graph of an enraged neurosis. Constant attention makes every square inch of the wall a horrible fact. When columns rise out of the ground, his emotions are engaged.

Chaos has been variously interpreted. It may mean “a yawning gap.” Thank you very much, the source of all life is hunger.

How to understand things you have names for? After the demon of fear was released in 1789…now it’s 1923. Now it’s 1975.I had over-anticipated the event. I don’t understand this idea of construction.

But there is another level of complexity to ready-mades. Which gets us home if you talk poetry. You can say what happens and have it be a part of that.

If you want to say yes, say yes.

The experience of the cemetery is inexorable. Looking at the landscape’s variable browns and greens.

The mountain is such that it makes its own weather. Meanwhile it is being spoonfed with a wheelbarrow. That makes it more like a vacuum. The rock itself is awful looking, an egg which petrified before someone forgot to throw it out.

Poets have something wrong with their eyes. Later we come to be comfortable with them.

Art instead of being an object made by one person is a process set in motion by a group of people. Anything one says comes back eventually as a mistake. There’s no use in keeping accounts or records. If it’s a good idea, it results in a permanent change.

Everywhere there are spontaneous literary discussions. Something structurally new is always being referred to. These topics may be my very own dreams, which everyone takes a friendly interest in. The library extends for miles, under the ground.

My demons are gone. I haven’t thought about it yet, but I intend to pull down the pyramid, once step at a time.

So I’m inside a Jackson Pollock painting which is a house of ordinary structure but increased affect. The floors are copper and blue, there is gold twill in the green rug hanging from the wall. A displacing effect, like oil over glass, pushes every object outward. So the edges of things stand out like drip lines of paint.

A telephone pole is an edited tree.

The natural gas towers extend down into the ground. His speech is clipped, a short pause before each phrase. The frog is about to jump into a bowl of cherries. New Mayor: “No conflicts!”

The waves beat against the shore.

The lighting is important – night outside, a high contrast interior. An egg within the unknown. Conflict will take place among three unrelated individuals. The curtains are drawn, wind like boiling water.

The mind is not concerned with persons.

Exclamation point, question mark, three dots.

The argument is elastic. It ends with a physical description of going up stairs. “I certainly wouldn’t try this carrying anything.” He pulls himself out of this world, a moment of relief and panic.

The whole man is a concept, waking to sound.

Into a falsely centered chain of command, she’s leaving permanently. Obviously the brain will make the best story it can out of the available details. I have only to pick up my bags at the station, and they sure are there.

Such is night in the mountains.

*

***

*

Plasma / Barrett Watten. 1979

Un paradosso viene mangiato dallo spazio che ha intorno.

Ripeterò ciò che ho detto.

Far diventare una città una stagione è come indossare occhiali da sole dentro un vulcano.

Non dimentica mai i suoi sogni.

L’effetto della mancanza d’effetto.

La mano dice all’occhio ciò che deve vedere.

Reprimo gli altri inutili attaccamenti. Le possibilità di sopravvivenza sono una su dieci.

Vedo una tartaruga trascinare una testa mozzata verso il radiatore.

Hanno perso il senso delle proporzioni. Non c’è niente della misura giusta.

Passa dalla porta e si siede.

La strada si trasforma in un bel viale di campagna. La voce non sta dicendo qualcosa, ma si trasforma nelle cose.

Movimenti irregolari spargono la materia a portata di mano.

Il mio lavoro quindi è chiuso.

I suoi primissimi sogni erano preregistrati. Puntando il dito ad un bimbo nell’atto di giocare.

La luce cresce dagli angoli della mappa dello stato.

L’universo ha la forma di un cappello. Perdo interesse e cado giù dal letto.

La punta delle dita dirige la superficie incontrollabile.

Gli abitanti ottusi si fondono con le aree aperte. Tutti gli arcobaleni finiscono sulla strada.

Sottotitoli che cadono in mostra acqua che scorre sotto.

La domanda porterebbe al disastro.

Una persona viene messa in moto da un gruppo di parole.

L’acqua corrente ed il vetro sporco perdono la capacità di riflettere. La cecità è sempre circondata da una variabile.

Fecero saltare in aria l’intera cosa e vennero presentati con un frammento. Un banale errore.

I campi da tennis sono di diversi colori pastello.

Gli impiegati statali custodiscono i pacchi non reclamati.

I cavalli che escono dal mare continuano a far saltare l’occhio. Per questa ragione l’illuminazione di fondo viene sempre variata.

Il sole tramonta con qualunque tempo.

Altrimenti il danno si mostra di già.

Il telefono si basa sull’ampiezza della disattenzione. L’elenco telefonico è completo.

Gli alfabeti grigi illuminano ogni altra cosa di grigio. I disegni neri fanno una semplice acrobazia logica.Il potere di tassazione è sostenuto da una forza armata ben retribuita.

Non arriva mai al lavoro, perché è già li.

La bandiera si piega sui suoi cardini. Una donna cammina attraverso il vetro della finestra. Una pietra discute con la porta.

La voce si diffonde, lottando con i circoli. La questione nella scrittura descrittiva è scomparire.

Il letto stradale si inclina verso l’alto, un dettaglio che divora.

Mangiamo la più gradevole delle montagne, le parole stesse.

Accendere di colpo la folla sarebbe suicidio. La mappa mantiene la sua sanità, quasi sorpassato l’uso d’ogni cosa.

Le mie idee cambieranno in tempo. Ora che sai cosa significano le parole, puoi andare.

Devo sforzarmi di respirare. Dobbiamo essere preparati ad abolire questo stile di vita.

Non c’è traffico. Il traffico si è fermato.

I sogni sono un accidente della nascita.

Ero normale. La musica suggeriva la gamba di una sedia.

La scala di grigi rende la pittura verticale. Evidentemente siamo morti.

Il fardello delle classi è la carriera del ventesimo secolo. Lui può essere incredibilmente crudele. Gli eventi stanno avanzando ad un ritmo terrificante.

Pensò che fossero un’unità familiare. C’erano sette uomini e quattro donne, e tredici bambini in casa. Quale voce avrebbe registrato?Ecco perché parliamo una lingua. Di nuovo a Sofala, sto scrivendo questa cosa spaparanzato su una morbida poltrona di pelle. Un cane morto è steso nel canale di scopo, con i piedi per aria.

Per l’artista il momento del vedere può essere anche uno di rivelazione.

Quando sei perfetto, la gente non può fare a meno di farti le pulci.

Tu ed io stiamo sempre andando in direzioni opposte.

Mi ricordo la devastazione sinistra di un’esplosione che non è mai avvenuta. Il sensitivo imbarazzato viene trasformato in campo.

Si dissolve e ha un bordo. Le mie opere destinate al pubblico coprono diversi anni e mi costano molto pensiero e molta ansia. Dentro mia madre faccio un pugno, e poi me lo immagino.

Tosto salpò verso casa. La pietra è l’ideale nel mondo degli oggetti. La mente deve fondersi con l’universo, o soccombergli.

Ogni cosa specifica che dice è per mezzo di un esempio. Due ore dopo torna indietro al suo punto.

Una linea a zig-zag è il segno grafico specialmente di una neurosi rabbiosa. Un’attenzione costante rende ogni centimetro quadrato del muro un fatto orribile. Quando le colonne sorgono dal terreno, le sue emozioni vengono innestate.

Il caos è stato variamente interpretato. Potrebbe significare “un vuoto sbadigliante”. Grazie mille, la fonte di ogni vita è la fame.

Come comprendere le cose per cui hai un nome? Dopo che il demone della paura venne liberato nel 1789 . . . ora è il 1923. Ora è il 1975.

Avevo sovraccaricato di aspettative l’evento. Non capisco questa idea di costruzione.

Ma c’è un altro livello di complessità per i ready-mades. Che ci porta a casa se parli di poesia. Puoi dire che cosa succede e fare in modo che ne faccia parte.

Se voi dire di sì, dì di sì.

L’esperienza del cimitero è inesorabile. Osservare i marroni ed i verdi del paesaggio che cambiano.

La montagna è tale che si fa il proprio clima. Nel frattempo viene imboccata con una carriola. Che la fa diventare più come un vuoto. La roccia stessa è tremenda alla vista, un uovo che si è pietrificato prima che qualcuno lo buttasse via.

I poeti hanno qualcosa che non funziona negli occhi. Più tardi riusciamo ad essere a nostro agio con loro.

L’arte invece che essere un oggetto fatto da una persona sola è un processo messo in moto da un gruppo di persone. Qualunque cosa tu dica alla fine ti si può ripresentare come uno sbaglio. Non serve a niente tenere resoconti o registrazioni. Se è una buona idea, ne deriva un cambiamento permanente.

Ovunque ci sono delle discussioni letterarie spontanee. Viene sempre riportato qualcosa di strutturalmente nuovo. Questi argomenti potrebbero essere proprio i miei sogni, verso cui tutti mostrano un interesse amichevole. La biblioteca si estende per miglia, nel sottosuolo.

I miei demoni se ne sono andati. Non ci ho ancora pensato, ma ho intenzione di tirar giù la piramide, un gradino alla volta.

Così sono dentro a un dipinto di Jackson Pollock che è una casa di struttura ordinaria ma di influsso accresciuto. I pavimenti sono color rame e blu, c’è del tessuto spigato d’oro nella tappeto verde che pende dal muro. Un effetto straniante, come olio sul vetro, spinge ogni oggetto verso l’esterno. Così i bordi delle cose spiccano come gocce di pittura colate.

Un palo del telefono è un albero rivisto e corretto.

Le torri di gas naturale si estendono verso il basso nel terreno. Il suo discorso è spillato, una breve pausa prima di ogni espressione. La rana sta per saltare in un vaso di ciliege. Il nuovo sindaco: “Niente conflitti!”

Le onde battono contro la riva.

L’illuminazione è importante – notte di fuori, un forte contrasto interiore. Un uovo nel mezzo dell’ignoto. Avrà luogo un conflitto fra tre individui senza relazione. Le tende sono tirate, vento come acqua bollente.

La mente non è preoccupata dalle persone.

Punto esclamativo, punto di domanda, puntini.

L’argomento è elastico. Finisce con una descrizione fisica del salire le scale. “Di sicuro non lo proverei portando in giro qualcosa”. Lui si tira via da questo mondo, un momento di sollievo e di panico.

L’uomo nel suo insieme è un concetto, svegliandosi per suonare.

Dentro ad una catena di comando falsamente centrata, lei se ne sta andando permanentemente. Ovviamente il cervello tirerà fuori la miglior storia possibile dai dettagli disponibili. Devo solo passare a prendere le mie valige in stazione, e sono là sicuramente.

Così è la notte in montagna.

[traduzione di Gherardo Bortolotti]











































tutti i testi pubblicati in
(e ospitati da) GAMMM
sono sotto una Licenza
Creative Commons
= all texts (CC) by
m.giovenale, m.guatteri,
a.raos, m.zaffarano & hosts.
/ if not specified,
all photos are (CC) by m.giovenale /


gammm is a non-profit site.
to support us you can donate
anything you want: paper,
used computers, money, manors.
feel free to make us rich,
and tell us how: email us:
gammm_redazione [at] yahoo [dot] it

! thank you !




gostopGIF_R