da LE API MIGRATORI / Andrea Raos. 2007

paganelli_api_raos_4.jpg


[...]


I giorni si perdevano per via.
I cammini paralizzati preparavano
e veniva poi riempita api,
di grida in volo, urla,
si abbatteva frastagliate per concentrici.
Sembrava per un po’ non accadere nulla.
Accadeva, non, che il suono dopo scivolava.
					.
				.
			.
		.
	.
.
	.
		.
Scompariva. In seguito, i cammini paralizzati
esplodevano l’uno dentro l’altro come, tremiti. Palpiti.
Se ne erano bruciate a centinaia di migliaia,
contro la fiamma che accostava,
nella città che brucia,
se ne inclinavano paurosamente i muri
sino a coprire la strada, che abbracciata,
se ne concentravano altre
pietra dopo un’altra, dopo pietra, un’altra pietra dopo,
e su queste per massa, per sciame,
nella città che crollava e che trema,
se ne premevano a strati.
Che farfalle.
Che assordanti,
ténere, falle.
			.
				.
					.
						.
							.
								.
									.
										.
											.
In seguito, per i cammini paralizzati sembrava non passasse ape,
tanto il silenzio, tanto immobile. E in quel preciso istante
che sembravano passate, che si estinguesse il buio per tornare
indietro, che vedersi ancora
fosse, oh possibile, oh chiamato, oh prossimo, oh toccarsi
almeno un poco e spegnersi o, a pena, rivedersi,
												.
											.
										.
									.
								.
							.
						.
					.
				.
			.
In quel momento dato, punto, da un punto all’altro dei cammini paralizzati scoppiano,
le urla che riesplodono, sembrava, era è, impossibile,
doglia esplode che trasogna, ancora una volta,
urla fa tremare rimbomba la strada,
sono passate, non ancora, via. Ancora morti, morenti,
colano dagli occhi che sangue, che bianco,
e urla che concludono in niente,
singhiozzo che non chiude, un singulto che cede.
		.
	.
.
	.
		.
			.
				.
					.
						.
							.
								.
C’è tuttora movimento di granchio,
ossessione disquieta che intride, che cola da lato
a lato. È come una cosa che brucia,
cammino paralizzato di fruscìo
che trancia e che disquieta.
Procede
per falle –
farfalle.
									.
										.
											.
												.
													.
												.
											.
										.
									.
								.
							.
						.
Come il moto sfocia nella quiete,
così la quiete crolla, cade nella falla
in cui il cammino, passo, fremito,
giunge a paralizzato, che si compie. Quanta fine, che farfalla.
					.
				.
			.
		.
	.
.
	.
		.
			.
				.
					.
						.
							.
Non sarà certo questo disquilibrio
a trattenermi in vita –
annuncia al contrario la mia fine
puramente pura ed individuale:
indistinzione verso indistinzione.
.
Non così lo sciame.
.
Che pure muore, e finirà, dopo di me –
soltanto un po’ più piano:
								.
									.
										.
											.
												.
													.
												.
											.
										.
									.
								.
							.
						.
					.
Finirà per fame, per pena, per male, per noia, per niente.
Finirà per niente, per noia, per male, per pena, per fame.



[...]

[Le api migratori / Andrea Raos ; illustrazioni di Mattia Paganelli. – Oèdipus, 2007]
per l’immagine (C) Mattia Paganelli.











































tutti i testi pubblicati in
(e ospitati da) GAMMM
sono sotto una Licenza
Creative Commons
= all texts (CC) by
m.giovenale, m.guatteri,
a.raos, m.zaffarano & hosts.
/ if not specified,
all photos are (CC) by m.giovenale /


gammm is a non-profit site.
to support us you can donate
anything you want: paper,
used computers, money, manors.
feel free to make us rich,
and tell us how: email us:
gammm_redazione [at] yahoo [dot] it

! thank you !




gostopGIF_R